Amalfi tra i primi Comuni d’Italia ad approvare il bilancio 2020

Nessun aumento tributario, agevolazioni per le fasce meno abbienti. Servizi alla popolazione, manutenzione del territorio, politiche sociali tra i settori più curati

523
Assessore al Bilancio Massimo Malet

Il Comune di Amalfi è tra i primi municipi d’Italia ad approvare il Bilancio 2020. Già lo scorso lunedì 30 dicembre, nel corso del Consiglio Comunale, l’Amministrazione guidata dal sindaco Daniele Milano ha ratificato il Bilancio di previsione 2020/2022, che si conferma sano, grazie alla oculata pianificazione e gestione della compagine amministrativa che ha consentito non solo di non aumentare la pressione fiscale sui cittadini, ma di accrescere la spesa sociale ed i servizi in favore della popolazione e garantire agevolazioni per le fasce meno abbienti.

Il primo cittadino di Amalfi, Daniele Milano, dichiara: “Anche quest’anno approviamo il Bilancio, in largo anticipo rispetto ai termini di legge, confermando stanziamenti molto importanti nei settori in cui abbiamo investito di più sin dal nostro insediamento. Imponenti risorse sono destinate alla cura del territorio e del patrimonio comunale, grazie al quale proseguiremo senza sosta l’azione di riqualificazione delle zone periferiche con le tipiche stradine e i sentieri pedonali. Cresce anche la spesa sociale e destinata all’infanzia e ai più deboli, un indicatore in netta controtendenza con quanto siamo abituati ad ascoltare oggigiorno. Vengono confermati tutti i servizi destinati ai cittadini, tra cui quello della mobilità interna che servirà il centro storico, mattina e sera, e le frazioni, in orario notturno. Tutto l’anno”.

In Bilancio, risorse anche per il potenziamento della videosorveglianza comunale e dei mezzi in forze al Comando di Polizia Municipale. Vengono confermati gli stanziamenti per la digitalizzazione dei servizi comunali e aggiunte risorse per la revisione della toponomastica.

Buone notizie sul fronte tributario. Nessun aumento per cittadini ed imprese: aliquote invariate, TASI a zero e confermate le agevolazioni per le fasce deboli, quali l’esenzione dell’addizionale comunale Irpef per i redditi inferiori ai 13.500 euro annui.

L’assessore al bilancio Massimo Malet inoltre dichiara “La politica di bilancio della nostra Amministrazione è stata mirata alla valorizzazione delle entrate extratributarie, grazie alla quale siamo riusciti a far crescere i servizi, a non aumentare i tributi comunali e a destinare risorse decisive per le fasce deboli e per la manutenzione del territorio. L’approvazione del Bilancio con largo anticipo è un indicatore importante delle idee chiare e della condivisione che il gruppo di maggioranza “Liberi” porta avanti per la crescita della Città”.