Sarà aperta, alle 9.00, dalla Fanfara della Marina Militare – comando marittimo sud Taranto – la giornata di studi, che si terrà sabato 25 gennaio, a Sant’Antonio Abate, nell’Area Fiera, in via Lettere. L’evento, nell’ambito degli Incontri Culturali per la ricorrenza della festività del santo protettore della cittadina.

Il convegno, organizzato dalla Pro Loco guidata dalla presidente Marianna Pasqualina Alfano, vedrà ospiti d’eccellenza il preside della Facoltà di Teologia dell’Italia meridionale, monsignor Gaetano Castello e l’Ambasciatore d’Egitto in Italia, S.E. Hisham Badr che, alle 10 e 30, discuteranno su “Il Cristianesimo nell’incontro delle culture del terzo secolo: l’esperienza di Sant’Antonio d’Egitto, il primo degli abati”.

A seguire, alle 11 e 30, relazioni su “Un percorso che guarda al futuro: scuola, lavoro e impresa in un contesto di legalità e certezza dei diritti: riflessi della nuova prescrizione” con interventi di padre Francesco Ciccimarra, presidente nazionale di AGIDAE (Associazione gestori istituti dipendenti dall’autorità ecclesiastica) e il sostituto procuratore della Repubblica, dott. Catello Maresca. I lavori, che saranno coordinati dal giornalista Paolo Del Debbio, verranno introdotti con i saluti istituzionali, alle 10.00, da parte del sindaco Ilaria Abagnale, dal presidente dell’Ordine degli avvocati di Torre Annunziata, avvocato Luisa Liguoro e dall’avvocato Gennaro Torrese, presidente dell’Associazione forense “Enrico De Nicola”.

Coinvolto anche istituti scolastici locali: i licei scientifici, “Severi”, “Pascal” e “don La Mura”, rispettivamente  di Castellammare di Stabia,  Pompei (sede di Sant’Antonio Abate)  e Angri.

Share