Un avversario ostico per le Vespe: il Perugia di Cosmi

Nella consueta conferenza stampa pre-match, il tecnico stabiese Fabio Caserta ha toccato vari temi in merito alla partita e agli sviluppi della stagione, oltre che ad analizzare gli avversari delle vespe

43

Caserta Juve StabiaLa Juve Stabia ospiterà il Perugia. un avversario ostico per le Vespe, nella terza di giornata di ritorno del campionato di serie BKT domenica alle ore 15.00.

Un“Menti” rinnovato con i nuovi sediolini,  installati in settimana, a tinte gialloblù, sarà teatro della sfida tra le vespe e i grifoni, con un vantaggio attualmente appannaggio degli umbri a 30 punti, mentre i campani stazionano a 28.

Contro il Perugia per continuare la serie positiva

I gialloblù sono in serie positiva da sei turni, mentre i perugini sotto la gestione di Serse Cosmi, subentrato a Massimo Oddo recentemente, hanno conquistato una vittoria lunedì scorso contro il Livorno (1-0) e perso in trasferta contro il Chievo Verona (2-0).

Gli umbri praticano vari moduli tattici e nell’ultimo match hanno applicato il 3-5-2.

Contro la Juve Stabia rientrerà il bomber Pietro Iemmello dopo due giornate di squalifica. Il calciatore è attualmente capocannoniere del campionato con quindici reti realizzate e assieme a Falcinelli e Melchiorri formano un tridente davvero pericoloso.

Un dato statistico della Lega BKT è che il Perugia, assieme al Benevento, ha attualmente il record di segnature con calciatori subentrati dalla panchina, con cinque reti realizzate.

All’andata il match si concluse sullo 0-0 e coincise con l’unico punto conquistato dalle vespe nelle prime sei giornate di campionato, mentre In questo match la Juve Stabia dovrà fronteggiare problemi di organico vista l’assenza di Troest, squalificato per tre turni, oltre a vari titolari, che vengono da infortuni, non ancora al meglio della forma.

Russo, Tonucci, Elia, Buchel, Mastalli e Cissé sono in via di recupero, ma chi e’ stato chiamato a sostituirli ha dato un importante contributo per il rilancio della squadra nella seconda parte della stagione.

Una sfida nella sfida sarà il duello tra Pietro Iemmello, bomber perugino con 15 gol e Francesco Forte, punta centrale dei gialloblù con 9 reti all’attivo, due fra i calciatori più decisivi del campionato secondo le statistiche della Lega B.

Nella consueta conferenza stampa pre-match, il tecnico stabiese Fabio Caserta ha toccato vari temi in merito alla partita e agli sviluppi della stagione, oltre che ad analizzare gli avversari delle vespe.

Le parole del tecnico della Juve Stabia

Sono otto di Fabio Caserta con la Juve Stabia, come calciatore prima, quando sostituì Cazzola nel gennaio del 2012, e allenatore poi. Un consuntivo di questo lungo periodo nella città alle falde del Faito? 

“Sono stati otto anni intensi a Castellammare di Stabia. Ho vissuto tanti momenti belli e qualcuno brutto, come quello della retrocessione. Ho sempre detto che Castellammare è una mia seconda casa e ricevuto grosso affetto e ringrazio tutti. E’ stata una scelta di cuore dopo la retrocessione in C nel 2014 rimanendo qui. Essere tornato in B da allenatore, è  stato bellissimo”.

Novità in formazione con l’ingresso di Di Mariano, neoacquisto del calciomercato invernale? 

“Valutiamo domani se Di Mariano potrà essere schierato dall’inizio o a partita in corso. Lui ha voluto fortemente Castellammare e ci darà una grossa mano. Anche Provedel ha debuttato bene in porta la settimana scorsa. Inoltre il giovane Polverino, arrivato ieri, sarà utile come terzo portiere, mentre Esposito potrà giocare e allenarsi con la squadra “primavera”. Tonucci in difesa non è ancora al meglio. Per Troest forse esagerate tre giornate. Non so cosa abbia scritto l’arbitro nel referto, la società farà ricorso.

Sfida tra i bomber delle due compagini, Forte e Iemmello? 

“Penso che sia prima di tutto una sfida fra Perugia e Juve Stabia. Noi stiamo bene come squadra. Vogliamo continuare la nostra striscia di risultati utili consecutivi. Loro cercheranno di vincere in trasferta con mister Cosmi. Sono davvero una corazzata. Cosmi, subentrato a Oddo, gioca con il 3-5-2. È un grande allenatore che è ritornato in una piazza che lo ama. Al di là dei moduli, ci saranno difficoltà e ne siamo consapevoli. Noi dobbiamo essere bravi a non abbassare la guardia ed essere determinati per prendere punti per la salvezza. Il nostro obiettivo passa per queste partite.”

La serie B è un torneo equilibrato infatti ieri il Pisa ha sconfitto la Cremonese. In ogni partita le insidie sono dietro l’angolo. Serie B uguale sorprese?

“Io guardo sempre dietro in classifica . Il Pisa è una squadra forte, noi abbiamo pareggiato con loro sabato scorso. I pisani avevano già  pareggiato a Benevento e poi ieri hanno vinto a Cremona dopo una partita emozionante. In B non c’è mai risultato scontato. La classifica è corta e un passaggio a vuoto può essere nocivo psicologicamente. Noi dobbiamo pensare solo a lavorare bene e rimanere focalizzati sull’obiettivo, come già stiamo facendo”.

Ci sarà la “giornata  gialloblù” contro il Perugia?

“Non devo dire niente in merito. Voglio parlare solo di calcio. Non mi compete questo argomento”.

Probabile formazione

Per quanto concerne la formazione, la Juve Stabia potrebbe optare per il 4-3-1-2 con Provedel tra i pali, difesa con Vitiello, Fazio, Allievi e Ricci, centrocampo con Addae, Calò e Di Gennaro (o Izco), attacco con Bifulco dietro Forte e Canotto.

Possibile il ritorno in corso d’opera di Calvano e in attacco di Rossi, mentre il neoacquisto Di Mariano, ex Venezia, scalpita per l’esordio in maglia gialloblù.

La Juve Stabia non sconfigge il Perugia in casa dal 2005: nel torneo di serie C1 girone gli stabiesi vinsero per 2-0. Nei successivi tre incontri i grifoni hanno vinto due volte e pareggiato una al “Menti”.

Domani in occasione del “giorno palindromo” (02-02-2020) i gialloblù vogliono sfatare il tabù umbro e conquistare tre punti che varrebbero doppio in ottica futura.

Domenico Ferraro

Share