Infinita ed indomita Juve Stabia, che coglie un rocambolesco pareggio per 2-2 contro l’Ascoli al tramonto di una emozionante partita.

È il portiere Ivano Provedel che beffa il suo collega Leali dell’Ascoli all’ultimo secondo.

Una prestazione da 10 e lode per il portiere arrivato alla Juve Stabia nel mercato invernale.

Il pari stabiese è meritato, nella ripresa i gialloblù avevano rimontato il vantaggio ascolano, arrivato nel primo tempo (gol di Scamacca), grazie ad un rigore trasformato da Forte (alla decima segnatura).

Nel momento migliore dei campani, l’Ascoli ha sfruttato una leggerezza difensiva delle vespe e ha segnato in contropiede con Ninkovic.

Dopo le vespe si sono tramutate in scorpioni con il veleno nella coda, grazie al gol in inzuccata di Provedel, che si traveste da goleador con una prestazione da 10, trovando il giusto pari.

Fabio Caserta juve stabiaIl match è stato vibrante nella ripresa, e la Juve Stabia ha dimostrato coraggio e determinazione per cogliere un punto prezioso, su un campo difficile a fronte di una buona prestazione.

Da limare però qualche passaggio a vuoto nella retroguardia.

Invece l’Ascoli ha cominciato a sentire la mano di Stellone e l’apporto delle buone individualità in attacco.

Sabato prossimo la Juve Stabia ritorna al Menti contro il forte Crotone, le vespe cercheranno di cogliere un successo prestigioso e importante nella corsa alla salvezza.

Ora la compagine di mister Caserta ha all’attivo 29 punti.

La partita

L’Ascoli del nuovo tecnico Stellone si schiera con il 4-3-1-2, con Morosini dietro le punte Trotta e Scamacca. Out Raniero, mentre Ninkovic parte dalla panchina.

La Juve Stabia si mette a specchio: assente Ricci (influenzato dell’ultima ora), lo sostituisce Germoni sulla fascia sinistra. In attacco Canotto e Forte, con Bifulco a supporto.

Sempre nelle fila stabiesi, squalificato Troest, che viene sostituito da Allievi.

L’equilibrio del match si rompe al 10′ con l’Ascoli che passa in vantaggio: segna l’attaccante Scamacca che sfrutta un errore di Fazio che con un retropassaggio lo rimette in gioco, dopo che la difesa della Juve Stabia sembrava in controllo dell’azione.

La Juve Stabia era partita con personalità ma ha pagato dazio alla prima incertezza difensiva.

La reazione della Juve Stabia c’è, i campani attaccano gli spazi in velocità: al 26′ Bifulco si libera in area ascolana sulla sinistra, Andreoni lo aggancia con il piede nel contrasto e lo atterra. L’arbitro ammonisce lo stabiese per simulazione.

I ritmi non sono elevati, l’Ascoli, dopo in vantaggio trovato resta coperto, mentre lo Stabia è più propositivo nella manovra di costruzione, manca però lo spunto decisivo in avanti.

Al 38′ grande ripartenza di Canotto, ma il suo tiro viene murato dal difensore Gravillon.

Nel finale di tempo Allievi produce un fallo tattico su Cavion per impedire una ripartenza dell’Ascoli, ma l’arbitro lo grazia evitandogli il secondo giallo.

La prima frazione termina sull’ 1-0  con l’Ascoli che ha sfruttato l’unica occasione capitata per errore marchiano della retroguardia ospite, ma la Juve Stabia reclama per fallo non ravvisato in area su Bifulco (pestone col sinistro di Andreoni sul destro dell’attaccante stabiese, in dribbling secco).

Ad inizio ripresa al 47′ Juve Stabia vicino al pari: Leali esce male in mischia, colpendo Addae (grande ex del match con 163 presenze con l’Ascoli in cinque stagioni), la palla arriva a Forte che di testa la piazza fuori.

Due minuti dopo Canotto in percussione in area locale non riesce a concludere.

Al 50′ grande conclusione dalla distanza di Bifulco e Leali è prodigioso in volo a deviare in corner.

I campani hanno in mano il pallino del gioco alla ricerca del pareggio. Risponde al 53′ Trotta con un gran diagonale in area e Provedel devia fuori.

rigore juve stabiaAl 60′ rigore per la Juve Stabia per atterramento netto di Ferigra sul veloce Bifulco in dribbling sulla sinistra in area. Lo “squalo” Forte spiazza Leali al 62′ trasformando il penalty.

Dopo il pari, la partita si vivacizza: al 69′ gol annullato per fuorigioco millimetrico di Vitiello che mette dentro il pallone dopo parata del portiere su testa di Forte sugli sviluppi da punizione.

Al 70′ Trotta di testa raccoglie un cross da sinistra e di testa impegna Provedel.

Tra il 72′ e il 73′ doppia occasione per Canotto defilato sulla sinistra in area ascolana ma la punta non riesce a capitalizzare in entrambe le occasioni.

Difesa ascolana in ambasce sulle sfuriate della punta gialloblù.

Al 83′ passa in vantaggio l’Ascoli nel momento migliore della Juve Stabia: Brlek, neo entrato, semina il panico nella difesa stabiese e serve il libero Ninkovic che di destro infila Provedel. È una mazzata per i gialloblù che premevano alla ricerca del gol della vittoria.

La Juve Stabia prova l’assalto finale alla ricerca del pareggio.

Il neo entrato Di Mariano conquista un fallo all’ultimo respiro. Al 94′ sulla susseguente punizione di Calò da sinistra, Provedel, il portiere stabiese salito in attacco, infila perfettamente di testa in mischia per il 2-2 e meritato pareggio stabiese.

La Juve Stabia può festeggiare con i tifosi in visibilio dopo un altro pareggio in zona Cesarini dopo quello di Pisa nella penultima trasferta con rete di Di Gennaro.

Tabellino

Ascoli (4-3-1-2): Leali 6; Andreoni 5.5 Ferigra 5.5 Gravillon 5.5 Sernicola 6; Cavion 6 Petrucci 5.5 Padoin 6 (74′ Ninkovic 7); Morosini 5.5 (82′ Brlek 6.5); Scamacca 7 Trotta 6 (89′ Troiano sv). All.: Stellone 6.5.

Juve Stabia (4-3-1-2): Provedel 10; Vitiello 6 Fazio 5 Allievi 5.5 Germoni 6; Addae 6 Calò 6.5 Mallamo 6.5 ( 89′ Di Mariano sv); Bifulco 7 (82′ Izco sv); Forte 6.5 Canotto 6 (77′ Rossi 5.5). All.: Caserta 6.5.

Arbitro: Pezzuto di Lecce 5.

Guardalinee: Scarpa-Ruggieri.

Quarto uomo: Camplone di Pescara.

Marcatori: 10′ Scamacca (A), 62′ Forte (rig.JS), 83′ Ninkovic  (A), 94′ Provedel (JS).

Ammoniti: Allievi (JS), Fazio (JS), Bifulco  (JS), Gravillon (A), Morosini (A).

Note: spettatori circa 3500 (con 175 tifosi ospiti). Angoli 6-5. Recupero, 1′ pt,  4′ st.

Domenico Ferraro

Share