Sanremo 2020: Morgan e Bugo, non è così, ma se fosse?

Cosa ricorderemo del Festivàl 2020? Sarà il Festivàl di Morgan e Bugo che da “sinceri” amici si sono “sinceramente” mandati a quel paese?

408

Eppure io li sto immaginando. Magari me lo auguro. Sarebbe veramente un colpo da maestri se questa mia folle ipotesi potesse essere vera.

Due amici, due artisti, due attori, uno un po’ più bravo, due vere volpi?

E sì. Io li immagino insieme a bere e a ridere sbracati, ripetendo i vari momenti del prima, del durante e i feroci attacchi e le pesanti offese del dopo. Bicchieri in mano e risate a non finire.

Dal palco, quello più prestigioso della canzone italiana, nella polvere delle polemiche e infine sugli altari radiofonici e televisivi.

Sì, certo, sto parlando di Morgan e Bugo. I nemici ex amici che con la loro lite pubblica, più pubblica del “mondovisione” penso sia veramente difficile da immaginare, e con la loro canzone “Sincero”, dopo aver tenuto banco nei talk show e un po’ in tutti i programmi televisivi, stanno passando su tutti i canali musicali e nelle radio e scalando quella classifica che per tre giorni consecutivi li aveva visti, a mio parere ingiustamente, ultimi.

E giù risate e aneddoti e pacche sulle spalle. “Chi è Bugo?” e ancora “Morgan è sempre lo stesso, litiga con tutti”. E giù un mare di accuse, offese incrociate, mogli, figlie e manager compresi.

Cosa ricorderemo del Festivàl 2020? Ascolti alle stelle, sì certo. Antonio Diodato che fa il pieno di premi, sicuramente. Achille Lauro e il giovane Gassman, Amadeus impeccabile e Fiorello imprevedibile, Tiziano Ferro, i Ricchi e Poveri e l’ennesimo ritorno di Albano e Romina, certo che sì!

Ma il Sanremo 2020 imprescindibilmente sarà il Festivàl di Morgan e Bugo che da “sinceri” amici si sono “sinceramente” mandati a quel paese sul palco dell’Ariston. Quanto sinceramente? Sarà solo il tempo a dircelo, per il momento, e questo è certo, stanno incassando una popolarità e un’attenzione che certamente da ultimi non avrebbero avuto. Eliminati sì, ma con il maggior numero di titoli su tutti i giornali. Una campagna mediatica messa su a budget zero e con riscontri, questi sì, stellari.

Gennaro Cirillo

Share