Pimonte, impianto di trattamento organico di rifiuti: la maggioranza si spacca in aula

“Non sono assolutamente certa – afferma la consigliera Iovine – che la scelta politica, di localizzare l’impianto nel territorio comunale, non pregiudichi la salubrità dei luoghi”

563

La maggioranza si spacca in aula sulla realizzazione di un impianto di trattamento organico di rifiuti a biogas, che possa raccogliere i rifiuti dell’intero comprensorio dei monti Lattari, nella zona di via Resicco. Sono soltanto 6 i consiglieri favorevoli del gruppo Pimonte Libera, che hanno votato l’atto di indirizzo nell’ultimo Consiglio comunale: si tratta del vicesindaco Gennaro Somma (ideatore del progetto), Luciano Imparato, Anna Ospizio, Ferdinando Gargiulo, Anna Somma e lo stesso sindaco Michele Palummo. Ha votato contro il provvedimento portato in aula dal vicesindaco la consigliera Gilda Iovine, mentre si sono astenuti Lucia Somma (presidente dell’assise cittadina) e Giuseppina Donnarumma. Non si sono proprio presentati al Consiglio comunale, invece, l’assessore Speranza Fusco, Baldassarre Durazzo, Michele Sabatino e Vincenzo Coticella.

“Non sono assolutamente certa – afferma la consigliera Iovine – che la scelta politica, di localizzare l’impianto nel territorio comunale, non pregiudichi la salubrità dei luoghi”. Dichiarazioni forti, che portano in aula consiliare la voce anche di tanti cittadini contrari sin dal primo momento alla realizzazione di un impianto che raccolga a Pimonte tutti i rifiuti dei comuni vicini. A difendere invece a spada tratta il provvedimento è il vicesindaco Somma. “La realizzazione del progetto – afferma – determinerà sicuri vantaggi per il Comune di Pimonte, che oggi riscontra notevoli costi e difficoltà operative per il trattamento dell’organico, e che dovranno essere comunque acquisiti tutti i pareri necessari per salvaguardare la salute pubblica”.

Si schiera contro i consiglieri contrari e astenuti anche l’assessore Luciano Imparato. “Non posso che manifestare la mia disapprovazione – afferma – rispetto alle volontà dei consiglieri che hanno cambiato posizione solo nella fase di dislocazione dell’impianto da via Cantonella a via Resicco”. Ma la questione non è di certo chiusa. A tal proposito, nei prossimi giorni potrebbe nascere un comitato civico di cittadini, da sempre contrari alla realizzazione (a Pimonte) di un impianto di biogas che raccoglie tutti i rifiuti dei comuni limitrofi. “Altro che turismo – affermano i fautori della protesta – con questo provvedimento Pimonte rischia di diventare l’immondezzaio dei monti Lattari“.



Share