Il giorno 9 marzo in una diretta web  dall’Ufficio Comunale di Pomigliano d’ Arco il vice sindaco Elvira Romano tranquillizza i cittadini ed elenca le precauzioni adottate nella gestione locale delle attività che riguardano gli uffici pubblici per garantire la sicurezza e l’efficienza della macchina comunale e non paralizzare del tutto la città.

Nel contempo la stessa esorta la popolazione a rimanere quanto più possibile in casa e di uscire solo in caso di forte necessità, chiedendo a tutti di attenersi alle regole prescritte dal Ministero della Salute al fine di contenere l’epidemia, facendo appello al buonsenso e chiedendo un piccolo sacrificio alla comunità in difesa delle fasce più deboli che sono maggiormente esposte al pericolo contagio.

Dal canto suo Valeria Ciarambino, Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle, nonostante gl’interventi  sulle reti nazionali e i suoi impegni in Regione Campania per il suo forte sostegno e operato al servizio sanitario, non smette di seguire l’andamento dei contagi e di informare, attraverso il suo spazio social con dirette serali costanti, i suoi concittadini pomiglianesi esortandoli a rimanere in casa ed elencando quelle che sono le indicazioni cardine del Governo centrale sulle precauzioni e sui comportamenti da adottare per evitare che l’epidemia si espanda ulteriormente e che i nostri servizi sanitari già vacillanti a causa dei tagli feroci, possano collassare del tutto in caso di eccessivi ricoveri per infetti da covid19.

Nonostante gli sforzi delle parti politiche a ritrovare in un momento di emergenza globale una linea di convergenza per organizzare e tranquillizzare la popolazione  locale alla dichiarazione del Presidente del Consiglio di estendere a tutta Italia i provvedimenti adottati nelle zone focolaio del contagio, alle 23.30  noti supermercati della zona sono stati letteralmente assaltati. File chilometriche di persone che se pur all’aperto erano sprovviste di mascherine, ignare che il contagio si trasmette proprio assumendo atteggiamenti cosi superficiali.

La Ciarambino un tantino sconfortata, in un post ancora una volta esorta la gente a non creare assembramenti, dichiarando che non c’è stato alcuno stop al transito delle merci sul territorio nazionale rassicurando i pomiglianesi che non mancheranno i rifornimenti nei supermercati locali nelle prossime settimane.

Comportamenti cosi poco civici, dei cittadini dettati dalla paura e dalla profonda ignoranza insita nel nostro essere italiani o forse oserei dire meridionali, cosi poco inclini alle regole e al sacrificio, possono costare cari. Operatori sanitari medici e addetti alla GDO sono categorie a rischio eppure sono li e lavorano per la popolazione. Se vogliamo davvero debellare il virus  “restiamo a casa”.

Cinzia Porcaro

Share