Dopo il panico generale da parte dei cittadini pomiglianesi all’annuncio del blocco totale da parte del Presidente del Consiglio Conte e l’assalto a dei noti supermercati della zona che ha causato lunghe code e assembramenti che hanno destato non poche preoccupazioni, sembra essere ritornato il sereno.

L’azienda locale che fa capo ai punti vendita presi d’assalto lunedì sera, dopo qualche difficoltà iniziale è riuscita ad organizzare il personale e il flusso della clientela senza creare resse, panico e soprattutto evitando banali ed evitabili rischi.

La scelta aziendale di prolungare l’orario di apertura è legata come ci spiegano i vertici amministrativi alla sfera organizzativa. Per rispettare la normativa su la prevenzione del contagio ogni punto vendita consentirà l’ingresso a una massimo due persone e ci vorrà qualche tempo in più rispetto ad una condizione di normalità per gestire una clientela cosi grande con la massima attenzione e nel rispetto e tutela del personale stesso.

Per quanto riguarda i dipendenti che qualche cliente ha notato privi di adeguate protezioni, l’azienda ha provveduto anche a questo. Verranno distribuite nel minor tempo possibile, non appena l’azienda madre le avrà distribuite, mascherine omologate per tutti i dipendenti che lavorano sempre in maniera instancabile e a cui non manca mai il sorriso.

L’ importante per tutti noi è seguire le direttive governative, uscire solo in caso di necessità e non tutti insieme per il resto “Restate a casa”.

Cinzia Porcaro

Share