Dopo l’ultimo bollettino negativo per la città di Pomigliano d’Arco a causa del decesso di uno dei quattro contagiati da coronavirus, il 55enne Francesco Rea operaio nel settore rifiuti, l’intera comunità si stringe attonita e impaurita affidandosi alle autorità cittadine perché si tenga sotto controllo l’andamento dei contagi e soprattutto si tengano a freno quelli meno inclini a rimanere a casa i cosiddetti “furbetti della spesa”.

In un momento cosi buio per l’intera comunità, labile è lo stato d’animo di quelle fasce deboli costrette all’isolamento e alla solitudine più totale. Il Centro operativo comunale grazie al supporto della Polizia Locale, della Protezione Civile e dei dirigenti amministrativi con l’assessorato alle Politiche Sociali, guidato da Mattia De Cicco, lanciano con l’hashtag #nonsietepiùsoli una poderosa operazione d’emergenza antiCovid-19  a supporto materiale e psicologico per chi vive in maniera ancor più drammatica l’isolamento sociale generato dalla pandemia.

Il giorno 21 marzo con un avviso alla cittadinanza il comune ha illustrato tutte le misure di gestione dell’emergenza e assistenza istituite dal Centro Operativo Comunale con relativi numeri di emergenza ai quali riferirsi in caso di bisogno, reperibili sul portale del comune di Pomigliano. La Polizia Locale ha istituito l’UMAC ovvero l’unità mobile assistenza ai cittadini che si occuperà della consegna di farmaci e beni di prima necessità a tutti i cittadini soli e anziani che sono impossibilitati a muoversi o che vivono lontani dal centro cittadino, basta contattare il numero 0818030281. Le fasce orarie coperte vanno dalle 7:45 alle 22:00 di tutti i giorni fatta eccezione per il fine settimana dove il servizio sarà prolungato fino alle 24:00.

I servizi sociali invece come annunciato dall’assessore Mattia De Cicco si occuperà soprattutto di supporto psicologico per tutte le categorie che particolarmente in questo periodo vivono il disagio dell’isolamento e la restrizione casalinga, come le donne vittime di violenza o gli anziani e famiglie con disabili. Per queste categorie si è istituito un numero verde attivo 24 ore a cui riferirsi per qualsiasi tipo di assistenza sociale e personale: il numero di riferimento è 800.102.590.

La Protezione Civile oltre a fornire l’elenco dettagliato di tutti i negozi di generi alimentari all’interno del comune pomiglianese che hanno aderito all’iniziativa di fornire spese a domicilio. La lista è reperibile collegandosi direttamente sul sito www.protezionecivilepomigliano.it alla sezione elenco negozi emergenza coronavirus. Sempre la Protezione Civile si occuperà anche del censimento della popolazione interessata al contagio o in condizione di possibile contagio quindi sottoposta a sorveglianza speciale e per la consegna diretta a questi cittadini dei beni di prima necessità oltre all’assistenza di tutto il resto della popolazione.

Per questo sono stati istituiti appositi numeri attivi anche 24 ore a cui far riferimento in caso di necessità: il numero d’emergenza della sede del C.O.C.  è il 0818423510, il numero diretto del nucleo volontari della Protezione Civile coordinati dall’ingegnere Pasquale Beneduce è il 0810106566, e quelli messi a disposizione per la reperibilità di 24 ore sono i seguenti: 3357535054/3924590613.

Nei prossimi giorni la Polizia Locale ha annunciato anche l’utilizzo di droni speciali per individuare chi non rispetta le regole, un controllo del territorio a 360 gradi anche grazie all’aiuto volontario degli ausiliari del traffico che sono entrati in campo a supporto dei caschi bianchi. Insomma i pomiglianesi potranno stare più sereni, ma soprattutto, rimanere a casa fino a che sarà scongiurato il pericolo del contagio.

Cinzia Porcaro