Palombelli: “La libertà di opinione è sacra. La diffamazione via web è un reato”

La conduttrice: "Estrapolare una frase da un contesto in cui si parlava esclusivamente della tragedia di Bergamo, travisandone il contenuto, è una operazione scorretta"

palombelli rete 4

Pochi giorni fa la giornalista Barbara Palombelli aveva pronunciato alcune parole all’interno del suo programma Stasera Italia, andato in onda il 20 marzo su Rete 4.

Alle parole della conduttrice sono seguite tante risposte e polemiche.

La giornalista ha dichiarato, attraverso i suoi profili social ufficiali, che la frase era estrapolata “da un contesto in cui si parlava esclusivamente della tragedia di Bergamo”, inoltre che “la libertà di opinione è sacra”.




Tante associazioni si sono pronunciate in merito a questa questione, come il Movimento Neoborbonico, il Movimento 24 agosto Terroni, alcuni avvocati di Napoli, testate giornalistiche, il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, nonché il Codacons che ha chiesto all’AGCOM addirittura la sospensione del programma.

“La libertà di opinione è sacra. La diffamazione via web è un reato. Tutti i post e gli autori contenenti ingiurie, calunnie e diffamazioni vengono e verranno identificati e chiamati a rispondere in sede civile di quanto hanno scritto. I miei avvocati sono al lavoro”, così ha risposto la Palombelli dai suoi canali ufficiali.

“Estrapolare una frase da un contesto – continua la giornalista – in cui si parlava esclusivamente della tragedia di Bergamo, travisandone il contenuto, è una operazione scorretta. Di tutto il resto si occuperanno polizia postale, magistratura e avvocati”.

Andrea Ippolito




Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano