“Pene severe per chi commette tali atti. Piena solidarietà alle forze dell’ordine che stanno svolgendo un grandissimo lavoro”. A dichiararlo nell’apprendere l’inaudita notizia è il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli.

A San Giorgio a Cremano un agente della Polizia Municipale si è visto sputare addosso da una donna in seguito ad un controllo per i decreti di sicurezza anti-Coronavirus.

La vigilessa è salita a bordo di un autobus di linea per effettuare dei controlli, e la donna che si trovava senza alcun valido motivo nel comune vesuviano, ha reagito ai controlli sputando contro l’agente della Polizia Municipale, sul viso. La vigilessa ha denunciato per resistenza a pubblico ufficiale l’incivile e criminale autrice di una così pericolosa aggressione. Adesso l’agente dovrà rimanere in quarantena presso la propria abitazione per 14 giorni, per scongiurare un possibile contagio. Non c’è certezza della positività al coronavirus della donna, ma la vigilessa dovrà restare in isolamento e lontana dai propri familiari.

La donna è stata denunciata ed obbligata all’isolamento.

L’episodio denunciato sui sociale dal sindaco Zinno che ha scritto: “Il nostro Comune, dunque, subisce il danno di avere una dipendente in meno in strada, al servizio dei cittadini, mentre l’agente, moglie e madre, è costretta a temere un possibile contagio e dovrà restare quattordici giorni lontana dalla figlia”.

“Le forze dell’ordine – ha aggiunto Borrelli – stanno volgendo un lavoro immane per portare l’ordine in questo caos generato dall’emergenza  da Coronavirus eppure ci sono persone che non solo non apprezzano il loro operato ma che addirittura attentano ala loro sicurezza. In questo momento dove è in corso un ‘epidemia mondiale è da criminali sputare addosso ad una personale, equivale a spararle contro. Questa donna – conclude il consigliere regionale – dovrà subire pene molto severe, smettiamola con la linea morbida. Le forze dell’ordine hanno tutta la mia solidarietà”.

Share