Le uscite di necessità vanno effettuate con ragionevole prudenza e limitandole al minimo possibile, una, massimo due volte a settimana. I primi a prendere provvedimenti a Somma Vesuviana. Da oggi multe a tutti coloro che si recheranno ogni giorno al supermercato. La spesa a “spizzichi e bocconi” non è possibile.



La maniera incosciente di eludere le regole è stata subito trovata, e allora se per uscire c’è la necessità di avere una “necessità”, allora la necessità si riproporrà anche più volte al giorno. C’è gente che esce anche due volte nella stessa giornata.

“Ho inviato lettera a Guardia di Finanza, Polizia, Carabinieri, Polizia Municipale. Ora scatteranno controlli sugli scontrini. Non si esce! La spesa? Al massimo una volta a settimana”. Questo quanto deciso da Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana.
Cosa si intende per spesa frazionata? “Si definisce l’acquisto di pochi alimenti (inferiori a 5) – chiarisce Di Sarno – non compresi nei freschi di giornata. Mi segnalano la presenza di cittadini che escono tutti i giorni per recarsi al supermercato. Ora basta, scattano le multe”.



Il sindaco di Somma Vesuviana ha poi ringraziato le forze dell’ordine “per il lodevole lavoro svolto”, nella lettera inviata ha espresso “preoccupazione per una prassi negativa direttamente riscontrata dal Centro Operativo Comunale e da numerosi esercizi commerciali di generi alimentari, che è andata affermandosi negli ultimi giorni, per cui molti cittadini, al fine di uscire in modo ingiustificato, provvedono alla loro spesa attraverso piccoli e distinti acquisti. Comportamenti simili certamente non sostengono lo sforzo della gran parte della popolazione che con correttezza sta supportando i sacrifici necessari al contenimento dell’emergenza e alla diffusione del virus attenendosi scrupolosamente alle disposizioni impartite dal governo e dalla Regione Campania.

Per tali motivi – aggiunge il sindaco – ho richiesto alle autorità di procedere a un sistematico controllo degli scontrini della spesa, con lo scopo di verificare gli allontanamenti dei cittadini dalla propria abitazione e per scongiurare abusi in tal senso, ovvero diversi spostamenti nell’arco della giornata”.

A Somma Vesuviana si intensificano i controlli che in media sono di circa 50 giornalieri, effettuati da Polizia Municipale e Forze dell’Ordine, ora in campo anche la Polizia Provinciale. Il primo cittadino ha chiesto anche l’intervento dell’Esercito.

Share
Condividi
PrecedenteRaffaello Sanzio: oggi 500 anni dalla morte del “divin pittore”
SuccessivoAncora altri 15 decessi. 204 le vittime del coronavirus in Campania
avatar
Da sempre abituato a vivere con il Gazzettino vesuviano in casa, giornale fondato pochi anni dopo la sua nascita dal padre Pasquale Cirillo. Iscritto all'ordine dei giornalisti dal 1990, ricorda come suo primo articolo di politica un consiglio comunale di Boscotrecase, aveva 16 anni. Non sa perchè gli piace continuare a fare il giornalista, sa solo che gli piace, e alle passioni non si può che soccombere. "Il mestiere più bello del mondo".