Città di Gragnano: entrano nel vivo le misure a sostegno della cittadinanza

Non appena il Governo ha dato indicazioni per tali misure straordinarie di sostegno, abbiamo immediatamente predisposto una task force con l'obiettivo di velocizzare i tempi ed essere da pronti a fornire ogni forma di aiuto e sostegno ai cittadini in difficoltà

255

È entrata nel vivo la procedura di attuazione delle misure disposte dal Governo per il sostegno ai nuclei familiari in difficoltà a causa della crisi economica derivata dall’emergenza Coronavirus.

L’indirizzo dell’Amministrazione nei confronti dell’Ufficio Servizio Sociale ha dettato le linee guida per l’attuazione dell’iter per la distribuzione dei Buoni Spesa.



“Non appena il Governo ha dato indicazioni per tali misure straordinarie di sostegno, abbiamo immediatamente predisposto una task force con l’obiettivo di velocizzare i tempi ed essere da pronti a fornire ogni forma di aiuto e sostegno ai cittadini in difficoltà”. Lo afferma Nello D’Auria, Assessore alle Politiche Sociali e vice sindaco di Gragnano.

“Chiaramente si tratta di misure di sostegno temporanee – ha aggiunto il primo Cittadino, Paolo Cimmino – che servono ad alleviare le difficoltà economiche delle famiglie solo per qualche settimana di questo periodo di emergenza. Per avviare il servizio in modo veloce abbiamo attivato una stretta sinergia con la rete del Terzo Settore e con il mondo del volontariato, in particolare con il prezioso supporto della Protezione civile di Gragnano, da sempre presente sul nostro territorio al fianco delle persone più in difficoltà”.

“Naturalmente ci aspettiamo e come ANCI Campania, stiamo lavorando con il Governo per altri provvedimenti più strutturati, in grado di dare un supporto continuativo ai soggetti più deboli, – dichiara Nello D’Auria che oltre ad essere assessore del Comune di Gragnano è segretario ANCI Campania – partendo dalle famiglie ma arrivando anche alle imprese, ai professionisti e a tutti coloro che stanno subendo gli effetti devastanti della crisi economica che deriva dall’emergenza sanitaria del Covid-19″.



Le attività a sostegno della cittadinanza

Nello specifico le linee guida tracciate dall’Amministrazione Cimmino hanno previsto una manifestazione di interesse rivolta agli esercizi commerciali disponibili a garantire e a recepire i buoni spesa.

Allo stesso modo, è già attivo dal 2 Aprile 2020, l’avviso pubblico alla cittadinanza per la formazione di un elenco di beneficiari, a partire da quelli più esposti alle difficoltà economiche inasprite dall’emergenza Coronavirus.

Potranno accedere al sostegno alimentare tutti coloro che a causa delle misure di prevenzione per l’emergenza Coronavirus hanno perso la propria capacità reddituale.

Ma anche tutte le persone che si trovano in una condizione di povertà, i disoccupati di lunga durata e le persone in carico ai servizi sociali del Comune che si trovano in situazione di difficoltà economica.

Tra i criteri di priorità individuati, secondo le disposizioni Governative, e demandati agli Uffici, la precedenza ai soggetti non assegnatari di altri sostegni pubblici.

Il sostegno diretto alle famiglie consisterà nella concessione di Buoni Spesa spendibili in acquisti di generi alimentari o prodotti di prima necessità, attraverso l’utilizzo di Buoni spesa, che potranno essere utilizzati presso gli esercizi commerciali convenzionati con il Comune di Gragnano, indicati in un apposito elenco che sarà pubblicato sul sito dell’Ente.

Città di Gragnano Buoni spesa

Di seguito la sintesi di tutte le informazioni utili

Può far richiesta del contributo uno solo dei componenti dei nuclei familiari bisognosi. La domanda contiene al suo interno un’autodichiarazione ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 in cui ogni nucleo deve specificare tutti i propri redditi e disponibilità economiche allo stato, dichiarando sotto responsabilità penale.

Il criterio fondamentale la reale capacità di spesa del nucleo familiare e potranno fare domanda i nuclei familiari che hanno risorse finanziarie disponibili inferiore al 70% della Soglia di Povertà Assoluta (Dato ISTAT 2018).

Si terrà conto del valore dei risparmi immediatamente disponibili, alla data di presentazione della domanda, dichiarato dal richiedente. Qualora il numero di domande sia superiore alle risorse disponibili, si procederà in ordine di graduatoria e sarà data priorità a:

  • Nuclei familiari con il minor valore di risorse finanziarie a disposizione alla data della richiesta e non assegnatati di sostegno pubblico
  • Nuclei familiari che sostengono un canone di locazione per l’abitazione privata in cui risiedono
  • Nuclei familiari con il maggior numero di componenti minori nel nucleo
  • Nuclei familiari con il maggior numero di componenti nel nucleo

Il valore dei buoni spesa dipenderà dalla composizione del nucleo familiare:

  • Nucleo familiare composto di n. 1 persona = € 100,00
  • Nucleo familiare composto di n. 2 persone = € 150,00
  • Nucleo familiare composto di n. 3 persone = € 200,00
  • Nucleo familiare composto di n. 4 persone = € 250,00
  • Nucleo familiare composto di n. 5 persone = € 300,00
  • Nucleo familiare composto di n. 6 persone = € 350,00
  • Nucleo familiare composto di n. 7 o + persone = € 400,00

Il buono sarà incrementato di € 50,00 per ogni minore d’età 0-3 anni, non superando in ogni caso la somma di € 400,00.



Modalità di presentazione della domanda

E’ possibile presentare domanda entro le 12.00 del 7 aprile e la consegna dei buoni avverrà al domicilio del richiedente.

Compilazione del format di domanda on-line cliccando qui:

MODELLO ISTANZA

Mediante contatto telefonico con Numero Centralino Attivo 081.19043365- tutti i giorni, anche sabato e domenica, dalle ore 09:00 alle 13:00 e dalle ore 14:00 alle 19:00

Scaricando e compilando la domanda dal sito del Comune, ed inviandola tramite mail all’indirizzo: buonispesa@comune.gragnano.na.it

Come modalità esclusivamente residuale, è possibile ritirare e compilare il modello di domanda all’Ufficio Protocollo del Comune, in orario di apertura al pubblico.

 

Share