Una lunga processione per la speranza e la gratitudine, ma non è una manifestazione sacra per la settimana pasquale. Sono giunti nella periferia sud-est di Napoli, i 57 camion che trasportano i componenti prefabbricati per realizzare,  per montare  il Covid Center che verrà allestito presso l’Ospedale del Mare di Ponticelli.

Un lungo convoglio accolto dagli applausi dei napoletani affacciati ai tanti anonimi palazzoni nei quali è ancora più duro affrontare e superare la quarantena e rispettare le restrizioni governative e regionali. Una vera e propria processione di speranza, partita da Padova e giunta in serata a Napoli, un altro passo per combattere il virus che sta attanagliando tutto il mondo.

“I camion con i moduli parcheggiano stasera davanti l’area di montaggio del covid center, ogni modulo ha un numero, quindi da domani li posizioneremo velocemente nell’area già predisposta”. Così Antonio Bruno, l’architetto direttore dei lavori.

Si tratta di strutture modulari pre-allestite che da questa mattina verranno installate per potenziare i posti di terapia intensiva dell’Ospedale del Mare. Un’operazione durata nel complesso meno di due settimane: uno sforzo straordinario e un’altra prova di grande efficienza della Regione Campania, in prima linea per vincere la guerra contro l’epidemia.

I prefabbricati compongono tre moduli con i relativi servizi. Saranno impiantati in un’area che due settimane fa era un prato e ora ha tutti i servizi predisposti, una rete elettrica, i tubi per la climatizzazione e una tac già allestita. Tra tre giorni si prevede di avere tutto il center covid montato, poi si passerà all’allestimento delle attrezzature elettromedicali. La previsione è che dopo Pasqua potranno aprire i primi due blocchi, con 48 posti letto in terapia intensiva. Poi se ne aggiungerà un terzo per arrivare al totale previsto di 72.

Share