Coronavirus, sequestro a Brusciano: gel igienizzante e mascherine abusive

L’operazione si inserisce nell’ambito della costante attività di controllo economico del territorio finalizzata a contrastare, soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, pratiche commerciali disoneste, truffe e frodi a danno dei consumatori

305

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato nei confronti di un’impresa di Brusciano (NA) oltre 5700 confezioni di gel igienizzante per mani, da 500 ml. cadauno, e più di 1000 mascherine prodotte senza autorizzazione ministeriale.

L’operazione si inserisce nell’ambito della costante attività di controllo economico del territorio finalizzata a contrastare, soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, pratiche commerciali disoneste, truffe e frodi a danno dei consumatori.



In particolare, le Fiamme Gialle del 1° Nucleo Operativo Metropolitano Napoli hanno individuato una fabbrica che produceva, senza autorizzazioni, liquido igienizzante per le mani con etichette che presentavano il prodotto – con scritte e simboli ingannevoli – come disinfettante in grado di eliminare fino al 99,9% di batteri, funghi e virus.

L’obiettivo è stato selezionato, anche sulla scorta delle numerose segnalazioni pervenute al numero di pubblica utilità “117” e a seguito di specifiche analisi di rischio condotte attraverso piattaforme di e-commerce.

Le attività si sono poi estese presso un punto vendita di Napoli dove è stato sequestrato il restante prodotto igienizzante, appena consegnato dalla ditta produttrice.

I rappresentanti delle due società sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di “vendita di prodotti industriali con segni mendaci” e rischiano fino a 2 anni di reclusione e la multa fino a 20.000 euro.



Gli stessi finanzieri, inoltre, hanno sottoposto a sequestro 1000 mascherine – prodotte da due imprese, di abbigliamento e antinfortunistica, attive nei quartieri Chiaia ed Arenella di Napoli – che sono state rivendute, in assenza dell’autorizzazione dell’Istituto Superiore di Sanità, a farmacie delle province di Napoli e Foggia.

I risultati conseguiti testimoniano il costante impegno della Guardia di Finanza di Napoli che, dall’inizio dell’emergenza sanitaria, ha controllato 310 tra farmacie e parafarmacie contestando 23 violazioni sulla disciplina dei prezzi e denunciando 3 responsabili per manovre speculative su merci, nonché sequestrato 22.500 mascherine e quasi 38.000 litri di gel igienizzante non a norma.



Share