Sono arrivate ieri le prime sanzioni per quattro politici che a quanto pare erano presenti al “funerale” del sindaco di Saviano Carmine Sommese.

Gaetano Minieri
Luca Capasso

Sono state notificate sanzioni amministrative per violazioni delle norme anti contagio da coronavirus ai due prini cittadini di Nola e Ottaviano, Gaetano Minieri e Luca Capasso.

Sanzionato anche il consigliere regionale campano Pasquale Sommese e il vicesindaco di Saviano, Carmine Addeo, presente davanti al comune per il saluto al suo sindaco, indossando la fascia tricolore.


Carmine Addeo
pasquale sommese the queen
Pasquale Sommese

Al corteo funebre svolto a Saviano hanno partecipato centinaia di persone.

Sono stati due, inoltre, i momenti che sono al vaglio degli investigatori. Le soste in effetti sono state due sia nel comune di Saviano che presso l’ospedale di Nola, dove il carro funebre proveniente dall’ospedale di Avellino si è fermato per alcuni minuti per un ulteriore saluto da parte di  tante persone che si erano radunate nonostante il pericolo di contagio.




Nella giornata di ieri il sindaco di Ottaviano, Luca Capasso, oggi sanzionata, ieri con una nota stampa e con un post su Facebook aveva anticipato il provvedimento e spiegato i suoi perchè.

“Non ho partecipato ai funerali di Sommese, non ero a Saviano. Ecco perché sono in quarantena”. Dichiarava Capasso. Di seguito il post del sindaco di Ottaviano:

“Per chiarire ulteriormente le ragioni del mio autoisolamento, specifico alcune cose:
1. Io non sono andato a Saviano
2. Non ho partecipato alla commemorazione della salma a Nola
3. Non ho partecipato ad alcun “ultimo saluto”

Chi dice e pensa che ero al funerale, sbaglia di grosso e sarà querelato. Io mi sono recato all’ospedale di Nola perché invitato da alcuni medici, ho portato loro il mio saluto e sono tornato ad Ottaviano. L’ho fatto perché ritengo che tra i doveri di un sindaco ci sia anche questo. Non ho violato disposizioni, decreti e leggi. Mi sono messo in autoisolamento per evitare ulteriori polemiche, nel rispetto della memoria del dottore Sommese. Chi vuole continuare a polemizzare, può farlo, ma è evidente che non ha alcun interesse a ricordare Sommese, vuole solo continuare a buttare benzina sul fuoco. Ed è proprio per questo che ho deciso di mettermi in autoisolamento, per non alimentare un dibattito vergognoso. Spero di essere stato chiaro e, soprattutto, spero che nessuno usi il mio caso per trovare scuse e violare le norme: si assumerà le sue responsabilità. Io mi sto assumendo le mie: ho rispettato le regole, ma sono in quarantena per sgomberare il campo da ogni equivoco”




I Carabinieri della compagnia di Nola, coordinati dalla Procura nolana, stanno ancora procedendo a identificare i responsabili degli assembramenti.

Il comportamento incosciente delle troppe persona per strada, nonostante i divieti anti contagio hanno determinato l’istituzione della “zona rossa” per il comune nolano. Saviano  sarà in “quarantena” fino al 25 aprile, è la prima zona rossa in provincia di Napoli.


Share