Oggi sono state presentate le querele dirette al presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, si parla di già 300 firme in delega portate dall’avv. Edoardo Polacco nella caserma dei carabinieri.

L’avvocato nella sua registrazione facebook esordisce così: “…Eccoci, il dado é tratto! La definisce la più grande iniziativa giudiziaria della storia d’Italia” e comunica che almeno, per il momento 1 migliaio di cittadini in tutta Italia hanno consegnato le querele contro gli abusi fatti nei decreti legge. L’avvocato parla inoltre di “attentato alla costituzione“.



Una vera e propria denuncia popolare, dunque, avviata dallo studio legale Polacco di Roma, che oggi alle 12.00 in tutta Italia é stata presentata, ai commissariati di polizia, ai carabinieri, alle procure della Repubblica In qualunque città d’Italia. L’avvocato nei suoi video conferma che già 3.000 cittadini italiani hanno sottoscritto la loro partecipazione.

Nei prossimi giorni, come si comunica sulle pagine social, ci saranno altre consegne da parte di altri cittadini.

L’avvocato ricorda che si occuperà di tutto questo in forma completamente gratuita.



Gli articoli di cui si parla

Le norme elencate nella querela parla di una serie di norme: art. 283 cp (attentato contro la Costituzione dello Stato), art. 323 cp co.2 (abuso d’ufficio), art. 610 (violenza privata).

Qui sotto riportiamo il video con cui l’avv. Polacco ha illustrato l’iniziativa.

Avv. Edoardo Polacco: Il popolo denuncia il governo

Pubblicato da Edoardo Polacco su Lunedì 27 aprile 2020

art. 13 La libertà personale è inviolabile

art. 16 Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza.

Art. 19 Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto

Art. 20 Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di culto d’una associazione od istituzione non possono essere causa di speciali limitazioni legislative

Art. 25 Nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge. Nessuno può essere punito se non in forza di una legge

Art. 33 La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. E’ prescritto un esame di Stato per l’ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l’abilitazione all’esercizio professionale.

Andrea Ippolito



 

Share