Il bilancio è di due feriti da colpi di arma da fuoco, sono un sovrintendente della Polizia Ferroviaria, fuori servizio e casualmente presso lo sportello della banca presa di mira dai rapinatori e, il secondo ferito, uno dei due vigilantes in servizio sul portavalori che stava servendo la banca, la filiale della Bnl di viale Kennedy ad Aversa.



Ed è qui che si è svolta la rapina. I tre banditi, armati di kalashnikov, come certificato anche da alcuni testimoni, intorno alle 10.20 hanno assalito il portavalori che stava consegnando un plico con denaro alla banca. Il commando sarebbe entrato in azione non appena la guardia è scesa dal mezzo con il plico contenente i soldi. A seguito della guardia giurata, i rapinatori si sono introdotti nella banca.

La dinamica non è ancora stata chiarita dagli inquirenti che stanno anche visionando i filmati della videosorveglianza.



Ma quanto hanno riferito alcuni testimoni, sembra che una volta dentro l’istituto bancario, contro i rapinatori si sia scagliato il poliziotto libero dal servizio, un sovrintendente capo in servizio alla Polfer di Napoli. Uno dei rapinatori sarebbe addirittura stato bloccato dal poliziotto, ma a quel punto l’intervento del complice, anche lui nel frattempo entrato in banca, ha reso vano l’atto eroico dell’agente che sarebbe stato ferito nella sparatoria nata in quei concitati secondi. Il poliziotto è rimasto ferito in modo grave da un colpo al basso ventre. Sono stati esplosi diversi colpi d’arma da fuoco, almeno una decina. Ferito ad una caviglia anche il vigilante, a cui hanno sottratto la pistola di ordinanza, e il plico con i soldi. Né la guardia giurata né il poliziotto sarebbero riusciti a rispondere al fuoco. Illeso, perché era a bordo del portavalori nei concitati momenti del raid, l’altro vigilantes.



Il poliziotto è stato portato d’urgenza in ospedale e sottoposto ad una operazione chirurgica per l’estrazione dei proiettili. I due feriti si trovano all’ospedale Moscati di Aversa, i medici stanno valutando le loro condizioni di salute ma non sarebbero in pericolo di vita.

Sul luogo della sparatoria gli agenti del commissariato di Aversa, agli ordini del dirigente Vincenzo Gallozzi, a cui sono affidate le indagini, coadiuvati dal supporto dei Carabinieri, anch’essi sul luogo della rapina. Mentre i tecnici della Scientifica si occupavano dei rilievi, ad Aversa è giunto il questore di Caserta, Antonio Borrelli, per sincerarsi delle condizioni dei feriti e coordinare in prima persona le indagini.



Nel frattempo sono stati avviati i pattugliamenti e posti di blocchi lungo le principali vie di scorrimento della zona intorno ad Aversa. Il tentativo è quello di intercettare l’automobile, sembrerebbe una Clio grigia, sulla quale sono fuggiti i rapinatori in direzione di Melito.

Mimmo Lucci



Share