Alberto Zangrillo a ‘Mezz’ora in più’ esprime con maggiore chiarezza il suo punto di vista e del San Raffaele di Milano sulla situazione attuale dell’emergenza.

Il Prof. Alberto Zangrillo é colui che ha toccato veramente con mano le condizioni dei malati nelle terapie intensive, come lui tanti altri clinici in Italia.




E’ primario dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Generale, presso l’ospedale San Raffaele di Milano; professore per le Scuole di Specializzazione in Anestesia e Rianimazione, Chirurgia Vascolare, Chirurgia Toracica, Neurochirurgia e Chirurgia dell’Apparato Digerente; autore di oltre 500 pubblicazioni, di cui oltre 230 su riviste internazionali indicizzate (citate più di 4000 volte, Hindex 27; Hindex ultimi 5 anni 18, IF totale >350) e 23 libri o capitoli di libri.

Il primario dice alla giornalista Annunziata le seguenti parole: “Se vuole le dico la verità e gliela dico ufficialmente in modo che tutti gli italiani se ne facciano una ragione.

Oggi è il 31 di maggio. Circa un mese fa sentivamo gli epidemiologi dire di temere grandemente, per la fine del mese, inizio di giugno, una nuova ondata e chissà quanti posti di terapia intensiva da occupare.




In realtà il virus, praticamente, dal punto di vista clinico, non esiste più.

Questo lo dice l’Università Vita e Salute San Raffaele, lo dice uno studio fatto dal virologo e direttore dell’Istituto di virologia, il professor Clementi. Lo dice, insieme alla Emory University di Atlanta, il professor Silvestri.

I tamponi eseguiti negli ultimi 10 giorni hanno una carica virale, dal punto di vista quantitativo, assolutamente infinitesimale rispetto a quelli eseguiti su pazienti di uno o due mesi fa.

Lo dico consapevole del dramma che hanno vissuto i pazienti che non ce l’hanno fatta.

Però non si può continuare a portare l’attenzione, come sta facendo la Grecia, su un terreno di ridicolaggine che è quello che abbiamo impostato a livello di Comitato scientifico nazionale e non solo, dando parola non ai clinici, non ai virologi veri, quelli che sono veramente professori e non che si autoproclamano professori”.

Poi ripete ancora una volta: “Il virus dal punto di vista clinico non esiste più.




Zangrillo procede con le sue affermazioni

“La clinica è la migliore evidenza. Io mi prendo la responsabilità di dire che da un mese non arriva un malato che meriti il ricovero in un reparto di semi intensiva. Questa è un’evidenza o siamo talmente fortunati che evitano di andare al San Raffaele?

So benissimo che il peso di quello che dico è importante. All’interno degli ospedali purtroppo si muore anche di altro. Quindi a meno che non abbiamo avuto negli ultimi due mesi la bacchetta magica per cui muoiono tutti di Covid, dobbiamo tenere conto anche di questo.

Sono tre mesi che tutti ci sciorinano una serie di numeri che hanno evidenza zero, che hanno valore zero. Siamo passati da Borrelli, a Brusaferro, al presidente del Consiglio superiore di sanità. Tutti questi cosa hanno portato? A bloccare l’Italia mentre noi lavoravamo.

Adesso noi che abbiamo visto il dramma chiediamo di poter ripartire velocemente perché vogliamo curare le persone.




Dobbiamo tornare un Paese normale perché ci sono tutte le evidenze per cui l’Italia possa ritornare, da oggi, ad avere una vita normale.

Un mese fa abbiamo sentito un professore di Boston, che è un epidemiologo-statistico che si chiama Vespignani, condizionare le scelte del governo dicendo che andavano costruiti 151 mila posti di terapia intensiva.

Domani uscirà un editoriale a firma mia e del professore Gattinoni, in cui diciamo ufficialmente perché questo non va bene, perché è una frenesia, perché terrorizzare il Paese è qualcosa di cui qualcuno si deve assumere le responsabilità.

Perché i nostri pronto soccorso e i nostri reparti di terapia intensiva sono vuoti e perché la Mers e la Sars, le due precedenti epidemie, sono scomparse per sempre e quindi è auspicabile che capiti anche per la terza epidemia da coronavirus”.

Andrea Ippolito



Share