Pomigliano d’Arco: si ricompatta la sinistra con Iossa e Russo

Il Sindaco uscente presenterà una sua lista. Una grande intesa politica che si contrappone allo schieramento pentastellato, quasi a voler dichiarare che Pomigliano non è grillina

932

Il 3 giugno, Felice Iossa politico e imprenditore pomiglianese ha sancito un accordo per la composizione della “Lista Riformista” che verrà presentata alle prossime elezioni cittadine. Iossa fu consigliere comunale a Pomigliano per un decennio dal 1975 al 1985, ex sottosegretario all’industria e al commercio nel governo Amato attualmente presidente dell’Associazione dei riformisti della Campania che sosterranno l’uscente Governatore Vincenzo De Luca alle prossime regionali.




L’irruzione dell’ex deputato del PSI nella scena delle amministrative cittadine non è casuale, questo illustre ritorno è forse legato all’ambizioso obiettivo di ricompattare la sinistra in una città come Pomigliano da sempre roccaforte rossa poi passata per un decennio al centrodestra.

Bisogna riunire la sinistra pomiglianese, dichiara Iossa che ha parlato di un’alleanza che comprende non solo la sinistra socialista erede del PSI ma anche quella erede del PDS-DS senza escludere l’ex compagine di rifondazione comunista.

Una bella sfida per il M5S che vanta ben quattro consiglieri comunali oggi  all’opposizione, forza politica che per il momento non ha delineato alleanze con i dem cittadini ne ha fatto trapelare possibili nomi per la candidatura a primo cittadino.




Intanto Iossa non nega che nell’alleanza ci possa essere il tentativo di un possibile coinvolgimento del PD guidato dal 45enne avvocato Edoardo Riccio, tempo fa fedelissimo dell’ex Sindaco Michele Caiazzo nonché erede diretto di Vincenzo Romano avvocato penalista passato da qualche mese nelle file della Renziana  Italia Viva e che pochi giorni fa ha presentato la sua candidatura a Sindaco.

Ma il programma di Iossa va ben oltre e sancisce un patto di continuità con Raffaele Russo, primo cittadino a Pomigliano con il PSI tra gli anni ottanta e novanta, ha successivamente governato la città per due lustri dal 2010 ad oggi, sotto l’insegna forzista, solo per tener testa al suo allora avversario politico Michele  Caiazzo, ma adesso l’ex socialista sembra essere tornato alle origini.




Il Sindaco uscente non potendosi ricandidare alle prossime amministrative si presenterà come capolista in una sua lista civica denominata per l’appunto “Russo” Russo è socialista, dichiara Felice Iossa, il capitolo Forza Italia e ormai chiuso per il medico ottantenne, che in quest’ultimi anni ha esercitato un grande sforzo riformatore tra le compagini di centrodestra che sembrano essersi dissolte e che alle elezioni si presenteranno con delle liste civiche.

Una grande intesa politica che si contrappone allo schieramento pentastellato, quasi a voler dichiarare che Pomigliano non è grillina, come afferma Iossa, a questo punto non ci resta che attendere le candidature nei prossimi mesi e la presentazione ufficiale dei programmi di partito, prima di dichiarare che “il dado è tratto”.

Cinzia Porcaro



Share