Anche la cittadina di Pimonte esce dall’incubo coronavirus

“Ringraziamo tutti i cittadini – afferma il sindaco Michele Palummo – i volontari, le associazioni, la protezione civile, le forze dell’ordine, le parrocchie e chiunque si sia reso disponibile a dare una mano in questo periodo difficile. Pimonte sta ripartendo"

169

pimonte michele palummoAnche la cittadina di Pimonte esce dall’incubo coronavirus. Così come già avvenuto nei comuni limitrofi, dal 12 maggio scorso è fermo a zero il numero dei contagi nel piccolo centro dei monti Lattari. Qualche apprensione era riemersa nei giorni scorsi, in concomitanza a dei casi sospetti. Fortunatamente però i tre tamponi eseguiti nelle ultime 48 ore sono risultati negativi. E così Pimonte può tirare un grane sospiro di sollievo, per un’emergenza sanitaria che sembra ormai alle spalle. Nonostante ciò, l’invito di istituzioni e forze dell’ordine è quello di continuare a mantenere comportamenti che rispettino le vigenti normative in materia di contrasto al rischio coronavirus.



“Ringraziamo tutti i cittadini – afferma il sindaco Michele Palummo – i volontari, le associazioni, la protezione civile, le forze dell’ordine, le parrocchie e chiunque si sia reso disponibile a dare una mano in questo periodo difficile. Pimonte sta ripartendo. Pertanto invitiamo tutti i cittadini a rispettare le regole di prevenzione imposte dal governo centrale e dalla Regione Campania”. Intanto le mascherine avanzate dalla distribuzione fatta ai cittadini sono state donate alla parrocchia di San Michele Arcangelo e restano a disposizione di chi ne avesse bisogno. Alla chiesa sono state regalate anche 1000 mascherine acquistate dagli operatori commerciali dell’ente.



Le 300 donate dalla ditta Xeco sono state invece messe a disposizione dei dipendenti comunali, della Protezione Civile e della Polizia Municipale. “E’ stato fatto un lavoro meticoloso – continua il primo cittadino – per mettere a disposizione di tutta la comunità le mascherine. E’ importante, in questo momento di ripartenza, fornire a tutti i cittadini gli appositi dispositivi di sicurezza, così da poter contrastare il contagio e un’eventuale seconda ondata”. E prosegue anche la raccolta di generi alimentari da parte della parrocchia di San Michele Arcangelo. I pacchi sono a disposizione delle persone indigenti e possono essere ritirati rivolgendosi al parroco, don Roberto Buonomo.



Share