E’ stato identificato il cadavere ripescato dagli uomini della Guardia Costiera, nelle acque del porto di Torre Annunziata.

Si tratterebbe di un residente del posto,  L.P., un 48enne allontanatosi dall’abitazione in cui viveva con la madre, nelle primissime ore di questa mattina.


I militari dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Torre Annunziata, guidati dal tenente di vascello Vito Limanni, hanno notato il cadavere nelle acque antistanti il porto e hanno provveduto al recupero del corpo che è stato successivamente trasportato all’obitorio dell’Ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia.

Non si conoscono, al momento, le cause che hanno portato a questa tragedia. Sul posto è intervenuta la Polizia agli ordini del dott. Claudio De Salvo e dell’ispettore Tufano per i primi accertamenti da parte della scientifica ed del medico legale.


Sono tuttora in corso le indagini di rito richieste dal magistrato, che ha disposto anche l’autopsia. Guardia Costiera, Polizia scientifica, medico legale e polizia locale stanno cercando di ricostruire le ultime ore di vita dell’uomo per determinare quali siano state le circostanze ed il motivo dell’annegamento dell’uomo.


Share