A meno di ventiquattro ore dalla sfida contro la Virtus Entella, la Juve Stabia continua la sua preparazione al Menti per il delicato match con doppia seduta d’allenamento. Le Vespe giocheranno venerdì alle ore 18.45 contro i liguri in casa a porte chiuse. L’anticipo sarà trasmesso in diretta su Raisport.


Gli stabiesi non vincono da 4 giornate e, nella ripresa post covid-19, hanno sempre perso: particolarmente sanguinose per come si sono materializzate le sconfitte contro Livorno,  Benevento e Salernitana. Ora mancano sei giornate alla fine della stagione e dopo questo incontro interno, i gialloblù giocheranno lunedì sera in trasferta a Frosinone, poi in casa contro Chievo, fuori contro Venezia, ancora tra le mura amiche contro Cremonese, per chiudere poi a Cosenza.



Sei finali per raggiungere l’agognata salvezza. Contro l’Entella saranno assenti per squalifica Calò e Ricci. La squadra ligure si trova all’undicesimo posto con 42 punti, a quattro dal Chievo ultima squadra in griglia playoff. La Juve Stabia è ferma a 36 punti assieme all’Ascoli al sedicesimo posto, attualmente in zona sfida playout.

Mister Caserta valuterà le migliori scelte per vendicare la sconfitta dell’andata contro i liguri (2-0). Dalla squadra si attendono risposte sul piano caratteriale: urgono tre punti per rilanciarsi in classifica e dare una scossa al morale.

In conferenza il direttore sportivo Ciro Polito ha fatto il punto della situazione. Società e squadra erano stati in silenzio stampa dopo la sconfitta di Salerno, un 2-1 conquistato dai granata in inferiorità numerica in campo. A seguire il sunto del briefing, come riportato dai canali ufficiali del sodalizio campano.


Sputeremo sangue fino all’ultimo minuto. Questa squadra ha già dimostrato di sapersi rialzare nel corso di questa stagione, certamente non mollerà adesso. Dobbiamo creare un clima positivo e sapere che ogni punto da ora in poi è determinante per centrare l’obiettivo.

In queste sei partite ci giochiamo tutto, qui non si dorme la notte per la Juve Stabia e non accetto assolutamente illazioni sul mio conto, sul mister e sulla squadra che, come ho detto, è concentrata, determinata e che sente la responsabilità del momento.

Ci siamo giocati i jolly, adesso siamo nel “nostro campionato”, quello che sapevamo dall’inizio di dover fare. L’obiettivo non è cambiato, lotteremo fino all’ultimo per raggiungerlo

Domenico Ferraro



Share