Installate tranche di new jersey nella zona di Pozzano. Un’opera mirata a contrastare la sosta abusiva in uno dei punti nodali dell’estate stabiese, realizzata grazie allo stanziamento di 45mila euro da Palazzo Farnese per l’acquisto totale di 250 blocchi di cemento.



“I new jersey non sono la normalità, sono l’inizio di una battaglia. Ci stiamo riappropriando del nostro territorio. Pozzano è dello Stato e dei cittadini perbene. Tutti i soldi guadagnati dai parcheggiatori abusivi, sono stati pretesi ed estorti ai bagnanti per non so quanti anni, andando ad ingrassare le tasche della criminalità”, ha dichiarato il sindaco Gaetano Cimmino.

La Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, anni a dietro ha confermato che il business dei parcheggiatori abusivi è correlato ad affari di stampo camorristico locale. L’anno scorso già si tentò di contrastarlo, raccogliendo risultati poco efficienti. Vennero installati lungo la statale SS145 sorrentina dei coni che furono dopo pochi giorni tagliati e sbaragliati.


L’amministrazione stabiese corre nuovamente ai ripari, adesso drastici: “Ogni cancro della nostra terra verrà estirpato. Per questi soldi sporchi, migliaia di euro al giorno, questa gente è arrivata anche a sparare e ad ammazzare. Hanno sparato in pieno giorno, in mezzo a bagnanti e bambini, seminando il terrore. Dobbiamo combattere la camorra che ha affossato la nostra bella terra”, ha sostenuto deciso, ricordando l’omicidio di un parcheggiatore nell’estate del 2009.

E ai cittadini che avrebbero preferito le strisce blu ad un parcheggio vigilato, ha prontamente risposto: “Sbagliato! In quella zona – ha proseguito – c’è bisogno di pugno fermo, coraggio e decisioni drastiche per tornare presto alla normalità. Ci arriveremo, ne sono certo, perché Castellammare ha capacità di ripresa straordinarie, ma non adesso. Adesso era necessario mettere in campo un’azione che nessuno prima di noi aveva fatto”.



Poi la stoccata finale: “Pozzano non è l’unica area su cui l’amministrazione è intervenuta e non sarà di certo l’ultima. Si pensi all’abbattimento dei manufatti abusivi nel rione Savorito a al centro antico. Andiamo avanti sempre, spediti”.

Un passo in avanti per il miglioramento della qualità di vita e dei servizi nei mesi più afosi: tutti i cittadini che si apprestano lungo quel tratto di strada, soprattutto per recarsi ai lidi balneari, non si troveranno più costretti a pagare alla malavita un vero e proprio “pizzo” per sostare.

Emanuela Francini



Share