La Juve Stabia strappa un punto sul difficile campo di Frosinone ma ha molto da recriminare per come si e’ sviluppata la gara nel suo complesso.

Allo “Stirpe” il match a tinte gialloblu’ termina sul 2-2, ma gli stabiesi avrebbero potuto fare il colpaccio pieno a fronte di una gagliarda prova offerta.


Pesano le decisioni della terna arbitrale che al termine del primo tempo ha annullato un gol apparso regolare a Forte e poi nella ripresa ha assegnato un rigore molto generoso al Frosinone per fallo di Tonucci su Ardemagni, con l’attaccante in posizione di fuorigioco. Tra l’altro anche la rete del primo pari dei frusionati e’ viziato da una posizione di offside di Brighenti.

I campani sono andati due volte in vantaggio, prima con Mallamo al 4’ del primo tempo e poi con Forte al 12’ della ripresa, venendo ripresi prima da un gol di Brighenti (10’ pt) e poi dal rigore trasformato da Dionisi (30’st).

Deludente a tratti il Frosinone che comunque resta in zona playoff ma deve abbandonare i sogni per la promozione diretta.

Peggiori in campo l’arbitro Marini di Roma e i suoi collaboratori. Possiamo dire in compenso che questa sia stata la miglior prestazione della Juve Stabia nelle ultime settimane dopo la ripresa.


Con questo pareggio la Juve Stabia resta comunque al quartultimo posto con 38 punti, con il Trapani in rimonta ora a 35 dopo la vittoria contro il Benevento. A 41 punti ci sono invece Pescara, Venezia e Perugia. Il discorso salvezza si fa intricato quando mancano quattro giornate alla fine della regular season.

Venerdi sera la Juve Stabia é attesa da un match chiave contro il Chievo al Menti da vincere a tutti i costi.

Come comunicato dalla società, mister Caserta non farà la conferenza stampa, al suo posto l’amministratore unico Gianni Improta perché il club intende prendere posizione sulle vicende arbitrali.


La partita

La Juve Stabia si schiera con il 4-3-3: nuovo assetto proposto da mister Caserta rispetto all’ultimo turno contro la Virtus Entella, con Forte in attacco supportato da Bifulco e Mallamo, a centrocampo rientra Calo’ mentre in difesa la coppia di esterni e’ composta da Vitiello e Allievi. Out Canotto per squalifica, infortunati Cisse’, Mezavilla ed Elia nelle fila stabiesi. Il Frosinone di mister Nesta conferma il 3-5-2 con Ciano e Novakovich coppia d’attacco. Assenti Haas e Beghetto per squalifica, mentre Tabanelli e’ indisponibile per infortunio. In panchina l’esterno Zampano, ex Juve Stabia.

Le Vespe partono con il piglio giusto, passando in vantaggio al 4’: lancio al bacio di Calo’ da circa 40 metri per lo scatto sulla sinistra di Bifulco, che approfitta di uno svarione di Brighenti e supera il portiere Bardi in uscita, sulla linea un difensore ciociaro riesce a sventare, ma la palla ritorna a Bifulco che appoggia all’accorrente Mallamo che segna.


Il Frosinone si sveglia subito e pareggia al 10’: fallo (molto dubbio) di Calo’ su Ciano al limite dell’area ospite, su tiro diretto di Ciano dal limite sinistro, la palla centra il palo alla destra di Provedel, respinge il portiere, sulla palla vagante arriva Brighenti come un falco, che realizza l’1-1. Da valutare la posizione di partenza dell’autore del gol che, sul calcio di punizione di Ciano, sembra essere al di la’ della linea difensiva stabiese. Il gol ringalluzzisce i locali che premono alla ricerca del secondo gol.

La Juve Stabia sembra soffrire in mediana per l’assenza di un incontrista puro in mezzo. Gli stabiesi cercano di sfruttare qualche errore difensivo dei ciociari, al 25’ Forte conquista palla alla trequarti e fa partire un tiro dalla distanza, neutralizzato a terra da Bardi.

Al 33’ Juve Stabia vicina al gol: ci prova prima Bifulco in area ospite, il suo tiro e’ respinto da un difensore, la palla arriva a Di Mariano che fa partite un diagonale da destra con Bardi che sventa.


E’ un momento buono per i campani che spingono. Al 45’ del primo tempo, la Juve Stabia fa centro con Forte che in area raccoglie di testa un cross da destra, ma l’arbitro annulla per offside dello “squalo”. Decisione davvero molto dubbia dell’arbitro che prende per buona la segnalazione del suo collaboratore di destra.

Il primo tempo termina sull’1-1 con la Juve Stabia che ha molto da recriminare per alcune decisioni arbitrali. Juve Stabia in partita, Frosinone manovriero e pronto a sfruttare le opportunità che gli si presentano.

Al 2’ della ripresa buona occasione della Juve Stabia, con Forte che si libera in area, assist per Bifulco il cui tiro, a distanza ravvicinata, viene parato da Bardi.


Al 12’ la Juve Stabia mette la freccia: punizione di Calo’ dalla destra, palla in area frusinate, in mischia svetta Forte che insacca per il 2-1. Il Frosinone ora stringe i tempi e cinge d’assedio la Juve Stabia conquistando vari corner senza pero’ creare soverchie preoccupazioni. I ciociari effettuano vari cambi inserendo l’ex Zampano sulla sinistra e Ardemagni in attacco.

Al 29’ rigore per il Frosinone: fallo molto dubbio di Tonucci su Ardemagni ( tra l’altro in fuorigioco), ma al 30’ Dionisi trasforma il penalty. Nel finale entrambe le squadre sono stremate in campo.

Il Frosinone termina in 10 per l’espulsione di Ardemagni per doppia ammonizione. Il recupero non riserva piu’ emozioni e il match finisce con il punteggio di 2-2.


Tabellino

Frosinone (3-5-2): Bardi 6.5; Brighenti 6.5 Szyminski 5.5 Krajnc 5.5; Salvi 6 (15’st Zampano 6) Paganini 6 (15’st Dionisi 6.5) Gori 5.5 (23’ st Tiribuzzi 5.5) Rohden 5.5 D’Elia 6; Novakovich 5 (23’ st Ardemagni 5) Ciano 6. All. Nesta 5.5.

Juve Stabia (4-3-3): Provedel 6; Vitiello 6 Tonucci 6.5 Fazio 6.5 Allievi 6; Mastalli 6.5 Calo’ 6.5 (25’ st Calvano 6) Mallamo 7; Bifulco 6.5 (39’ st Della Pietra sv) Forte 7.5 Di Mariano 6.5 (44’st Ricci sv). All.: Caserta 6.5.

Arbitro: Marini di Roma 4. Guardalinee: Berti-Maccadino. Quarto uomo: Robilotta di Sala Consilina.

Marcatori: 4’ pt Mallamo (JS), 10’ pt Brighenti (F), 12’ st Forte (JS), 30’st Dionisi (F, rig.). Espulso: 45’ st Ardemagni (F) per doppia ammonizione. Ammoniti: Forte (JS), Calo’ (JS), Tonucci (JS), Fazio (JS), Vitiello (JS), Zampano (JS).

Note: partita giocata a porte chiuse. Angoli 8-4. Recupero: 0’ pt- 5’1. Al 31’ pt allontanato dalla panchina il preparatore atletico La Penna (JS) per proteste.


Interviste post gara

Dopo il finale di Frosinone – Juve Stabia, match terminato sul 2-2 con tante recriminazioni per le vespe, questo il pensiero di Gianni Improta, amministratore unico del club stabiese, come da comunicato del club, intervenuto al posto di mister Caserta nel post gara dello “Stirpe”:

“Siamo amareggiati ma non ci faremo abbattere, c’è il rammarico di non aver portato a casa i tre punti dopo una gara ben giocata contro un avversario forte, una prestazione nettamente superiore a quella degli avversari. Purtroppo ci sono stati degli episodi che hanno inciso sul risultato, Marini questa sera non era in forma ed ha commesso più di qualche errore. Ci dispiace perché ha vanificato gli sforzi dei ragazzi, sono decisioni scellerate e clamorose quelle che ha preso. Non gli buttiamo la croce addosso ma dobbiamo raccontare quello che ha detto il campo, incassiamo il colpo ma la Juve Stabia non si piegherà.


juve stabia gianni improta

Oggi siamo tornati ad essere quelli “pre Covid”, abbiamo la responsabilità di non aver raccolto nulla per quattro partite e ci mancano quei tre punti in casa con il Livorno. Peccato, ma ripartiamo dal secondo tempo con l’Entella e dalla gran bella partita di stasera. Non molliamo, siamo tonici e lo abbiamo dimostrato qui a Frosinone proseguendo sulla falsariga della partita con l’Entella. Ci sono tante squadre in lotta per la salvezza e noi siamo tra queste”.

Domenico Ferraro



Share