I carabinieri della stazione di Massa Lubrense hanno arrestato per estorsione F.D., 60enne del posto. Giorni fa un cittadino massese aveva smarrito il proprio smartphone. A distanza di qualche giorno dalla presentazione della denuncia ai carabinieri, l’uomo ha ricevuto da un conoscente una telefonata sulla propria utenza fissa.

“Qualcuno ha il tuo cellulare” – avrebbe dichiarato l’interlocutore – “se lo vuoi indietro vediamoci in piazza”. In strada, nel centro della cittadina l’uomo ha ricevuto una proposta: “ecco la foto del tuo telefono, chi lo ha trovato vuole 100 euro per restituirtelo, altrimenti butta tutto”.



Accettata l’offerta e pianificato luogo e ora dello scambio, la vittima del ricatto, dopo aver lasciato l’amico, ha raccontato tutto ai Carabinieri. All’appuntamento fissato si è presentato il 60enne. A distanza di qualche metro, i carabinieri, pronti ad entrare in azione, hanno atteso che si concludesse lo scambio telefono-soldi per intervenire.

A “trattativa” conclusa, i carabinieri hanno bloccato e arrestato l’uomo che è ora ai domiciliari in attesa di giudizio. Il cellulare, invece, è tornato nelle mani del legittimo proprietario.



Share