Il vaccino è stato sviluppato da Nicolai Petrovski, della Flinders University e fondatore della società di biotecnologie Vaxine e sperimentato su 40 volontari nessuno dei quali ha mostrato effetti collaterali significativi o febbre. Al via a settembre la seconda fase che prevede la sperimentazione su 500 volontari.


“Abbiamo confermato che il vaccino Covax-19 può indurre risposte anticorporali adeguate in soggetti umani – ha affermato Petrovsky – ora disponiamo di dati preliminari sulla sicurezza che dimostrano che non vi sono effetti collaterali sistemici significativi in nessuno dei soggetti. Abbiamo anche il permesso di immunizzare i soggetti che hanno già avuto Covid-19 per vedere se possiamo aumentare ulteriormente la loro immunità ed impedire che vengano di nuovo infettati”.


Petrovsky si è detto, inoltre, disposto a immunizzare, nell’ambito di una sperimentazione clinica, anche i residenti nelle strutture per anziani a Victoria, lo stato australiano più colpito dal contagio, con la speranza che il vaccino possa proteggerli. “Siamo certamente molto aperti a parlarne con il governo di Victoria. Sappiamo che il Covax-19 non farà male perché ora sappiamo che è completamente sicuro”.

Superata la seconda fase, il candidato vaccino sarà pronto per la terza fase di sperimentazione che vedrà coinvolti circa 50.000 volontari in tutto il mondo.

Share
Condividi
PrecedenteCastellabate si conferma Covid-free
SuccessivoCoronavirus Italia: Contagi sommersi e contagi di importazione
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo, si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.