Previsto nelle prossime ore l’arrivo del vortice nordatlantico che si scontrerà con l’anticiclone caldo nordafricano provocando calo termico e “precipitazioni a prevalente carattere di rovescio e temporale, puntualmente di moderata intensità”.

Dopo la bolla di caldo afoso che ha reso questi ultimi giorni irrespirabili, si sta abbattendo sull’Italia una nuova perturbazione che porterà tempo instabile con possibilità di fenomeni localmente forti.


Le previsioni indicano una situazione in rapida evoluzione con piogge violente e temporali che colpiranno anche la Campania, dopo aver causato danni al Nord.

Chiusi tutti i parchi pubblici e sospesi tutti gli eventi e le manifestazioni organizzati presso gli stessi, questa la decisione del Comune di Napoli a seguito dell’allerta meteo Gialla emanata dalla protezione civile regionale per la giornata di domani, 4 agosto, con inizio alle 6 di mattina e termine alle ore 20.

Un quadro meteo che viene associato a una criticità idrogeologica di colore Giallo sulle zone 1,3,5,6,7,8 (Zona 1: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Zona 3: Penisola sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini; Zona 5: Tusciano e Alto Sele; Zona 6: Piana Sele e Alto Cilento; Zona 7: Tanagro; Zona 8: Basso Cilento).


I fenomeni temporaleschi saranno caratterizzati da una incertezza previsionale e rapidità di evoluzione, con danni alle coperture e strutture provvisorie dovuti a raffiche di vento, fulminazioni, possibili grandinate e a caduta di rami o alberi.

Tra le possibili conseguenze dei fenomeni temporaleschi in arrivo sul territorio campano: i ruscellamenti superficiali con possibile trasporto di materiale; allagamenti di locali interrati e al pian terreno; scorrimento superficiali delle acque nelle sedi stradali e rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche che potrebbero interessare le aree urbane depresse.

La Protezione civile della Regione Campania raccomanda agli Enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni attesi.



Share