Il mese di agosto, stando ai numeri, sta segnando il ritorno del contagio. L’allentamento delle norme di sicurezza con il mese dedicato alle vacanze degli italiani, la voglia di divertirsi e il messaggio pericoloso che tutto sia passato, finito, superato sta mettendo a serio rischio il contenimento del Covid-19.


L’età delle persone colpite dal virus scende e i nuovi casi riguardano sempre più i giovani. “Il Covid non esiste” è il grido di battaglia di quanti hanno vissuto questi giorni d’estate come se non ci fosse più il rischio contagio. L’idea è che il virus, come nei fatti è, non sia mortale in assenza di altre patologie come quelle che affliggono i più anziani.

Quello a cui troppi giovani “immortali” non pensano è quanto può essere causato da un loro comportamento irresponsabile, diventando essi stessi fonte di contagio per i loro familiari, genitori e nonni.


In tanti poi sono convinti che il ritorno dei contagi sia dovuto principalmente ai rientri dall’estero. Certamente è questa una delle componenti: tra i casi riscontrati a Ferragosto, 5 sono cittadini rientrati dall’estero, o contatti di precedenti casi di rientro. Ma i casi registrati in totale sono 46. Di certo ci sono da conteggiare gli 8 positivi derivanti dallo screening connesso alle strutture ricettive di Sant’Antonio Abate. Ma pur dividendo in questo modo i troppi contagi campani, ne restano sempre 33 che derivano invece dalla circolazione del virus in tutte le province della Campania, dove si registra una nuova impennata.



Nel frattempo, si attende la conclusione dello screening nella zona rossa di Sant’Antonio Abate, dove sono stati eseguiti oltre 10mila tamponi. Nelle prossime ore l’attenzione dell’Asl Napoli 3 e dell’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno, che stanno processando in laboratorio i tamponi eseguiti, si sposterà sulla Costiera Sorrentina nella zona di Piano, dove si sono individuati alcuni casi collegati.

L’aumento del contagio in Campania e in Italia preoccupa l’autorità sanitaria, che, con le nuove norme sull’uso delle mascherine anche di giorno e sulla chiusura delle discoteche, punta a limitare l’espansione del contagio. In Italia i nuovi positivi nelle 24 ore ferragostane sono stati 479 dopo i 629 del giorno precedente.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteMascherina anti-Covid ? No, ad Acerra è contro l’aria irrespirabile: neanche il ferragosto ha fermato i roghi
SuccessivoCastellammare, weekend di Ferragosto “ad alto rischio”: l’affollamento e le spiagge
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.