Ancora una sfida elettorale per Agnese Borrelli, conosciuta anche come Rosaria. L’ex sindaco di Boscotrecase e dirigente Asl è nuovamente in campo al fianco del governatore Vincenzo De Luca nelle fila di “Fare democratico” per le Regionali del 20 e 21 settembre.

Tanti i progetti e tanti i problemi da affrontare per dare un futuro migliore alla regione Campania. Proprio su alcune di queste tematiche abbiamo rivolto alcune domande alla candidata.


Dottoressa, di cosa ha bisogno la nostra Regione?

La Campania è una Regione ricca di storia, arte, eccellenze, che negli ultimi anni sta cercando di puntar alla valorizzazione ed alla promozione dei territori locali, ognuno con la sua caratterizzazione. Direi che l’economia turistica è un traino come lo e’ l’enogastronomia e la storia antica e moderna, ma anche le bellezze paesaggistiche che attirano da sempre migliaia di turisti  italiani e stranieri come il nostro Vesuvio.
Il nostro governatore domani mattina sarà a Lettere per inaugurare uno spazio museale nell’area archeologica affianco al Castello. Queste sono le cose buone da fare.

Cosa manca alla nostra terra, invece?

Le carenze, purtroppo, sono tante come in tutto il Sud, ma inutile piangersi addosso. La politica del Fare è l’unica soluzione. Partendo dalla vivibilità, viabilità fino alla sicurezza, alla lotta alla microcriminalità ai progetti per evitar l’emarginazione sociale, rendendo le nostre città a misura di individuo. Sono convinta che dalle piccole alle grandi cose possiamo far tanto con il nostro Governatore, portando in alto il nome della nostra Campania.




L’inquinamento del fiume Sarno, ancor più forte dopo la quarantena, ma anche gli incendi dei giorni scorsi, hanno riproposto il decennale problema della fragilità del nostro ambiente, cosa si può fare?

Il nostro habitat rischia ogni giorno per l’incuria e la negligenza di alcuni, nonostante l’impegno e la capacità di protezione civile e associazioni ambientaliste e degli enti comunali e regionali che denunciano e tutelano aree verdi, oasi naturalistiche e corsi d’acqua. Servono più controlli e più fondi per evitar problemi seri e salvaguardare la nostra Natura. Ma serve anche un lavoro in sinergia con i cittadini che devono divenir i nostri primi guardiani nell’ambiente. A casa loro, a casa nostra.

Qual è la situazione covid? Rischiamo di nuovo il lockdown?

La situazione è sotto controllo, anche se i casi stanno aumentando esponenzialmente. La sanità italiana e campana sono al lavoro da mesi alacremente. Gli ospedali ad hoc, come il nostro a Boscotrecase, stanno accogliendo gli ammalati e seguendo i protocolli di cura per il coronavirus dando buoni risultati. Ma il consiglio che posso dare a tutti come medico, è di rispettare le regole di distanziamento sociale, indossare le mascherine nei luoghi chiusi ed all’aperto dove ci son assembramenti e lavar spesso le mani. Solo seguendo queste semplici indicazioni potremo evitar ulteriori infezioni.


Share