La trattativa per il passaggio di Arkadiusz Milik alla Roma ormai è definitivamente sfumata. A poco dall’ufficializzazione del trasferimento, i dirigenti giallorossi hanno chiesto di modificare gli accordi con il Napoli come una sorta di assicurazione per via del doppio infortunio subito negli anni passati. A De Laurentiis non è andata a genio la condotta romanista e l’affare è tramontato.

Quindi ora per Milik le opzioni sul tavolo non sono molte. Se non si riesce a trovare un club che lo acquisti, il suo destino è quello di rimanere a Napoli fuori rosa. Una stagione intera a guardare i compagni di squadra da casa e un anno di inattività che gli precluderebbe al 99% la convocazione ai prossimi Europei nelle fila della Polonia.



Potrebbe però arrivare ‘in soccorso’ sia del giocatore che del Napoli (che rischierebbe di vedere partire il numero 99 a costo zero la prossima estate) José Mourinho. Il tecnico del Tottenham infatti stima Milik e vorrebbe portarlo a Londra per utilizzarlo come vice-Kane. Con i 25 milioni che De Laurentiis avrebbe ricevuto dalla Roma già pronti, per gli inglesi rimarrebbe da trovare l’intesa sull’ingaggio con il centravanti e il suo procuratore. Oggi è in programma proprio l’incontro tra l’entourage di Milik e i vertici della squadra inglese.


Non solo Tottenham però. Ci sono altre tre società interessate, due della Premier e una della Liga: Fulham, Newcastle e Siviglia. Le prime due accetterebbero di pagare lo stipendio che il polacco richiede soltanto se il Napoli abbassasse le pretese sul cartellino, mentre il Siviglia avrebbe meno problemi di liquidità.

Salvatore Emmanuele Palumbo



Share