“Si tratta di 14 persone tra calciatori, staff e medici”, ha così dichiarato il presidente del Club ligure Enrico Preziosi nell’annunciare il lancio di un comunicato ufficiale del Genoa C.F.C.

La squadra che ieri pomeriggio ha incontrato al San Paolo il Napoli ha comunicato la positività, appunto, di 14 tesserati riscontrata nei controlli ripetuti dopo il match di ieri sera. Partita che era stata rinviata di alcune ore proprio in attesa dei tamponi effettuati dal team rosso-blu dopo il riscontro della positività dei due calciatori Mattia Perin e Lasse Schone, entrambi rimasti a Genova in quarantena.


Il comunicato della società recita: “Il Genoa Cfc comunica che dopo gli accertamenti odierni il numero di tesserati positivi a Covid-19 è salito a quattordici tesserati tra componenti team e staff. La Società ha attivato tutte le procedure previste dal protocollo in vigore e informato le Autorità per le procedure correlate. Il Club fornirà prossimi aggiornamenti dettati dall’evoluzione”.

Viene precisato che tra i 14 casi ci sono quelli già noti di Perin e Schone. Gli altri nomi non sono stati resi noti, ma otto sono comunque calciatori. Ieri il Genoa ha perso 6-0 al San Paolo contro il Napoli, mentre il suo prossimo impegno sarebbe quello di sabato al Ferraris contro il Torino, anche se alla luce di quanto sta accadendo, è difficile prevedere l’evolvere della situazione epidemica e soprattutto il prosieguo del campionato. Ed in effetti mentre a livello europeo l’Uefa ha regolamentato la faccenda Covid stabilendo un massimo di 13 calciatori contagiati per decretare il rinvio di una partita, la Lega di Serie A non ha stabilito alcuna regola per l’emergenza coronavirus e quindi il campionato dovrebbe continuare regolarmente con Genoa e Torino in campo al Ferraris sabato alle 18. Nei prossimi giorni bisognerà attendere le decisioni dei vertici del calcio italiano che potrebbero modificare, causa virus, l’andamento di questo secondo campionato condizionato dal Covid.


Intanto montano le preoccupazioni per il Napoli. Dopo la notizia il Club partenopeo è corso ai ripari. Sono stati effettuati tamponi a tappeto tra gli azzurri. Il timore, come è ovvio, è che il contagio abbia potuto colpire anche la squadra di Gattuso, preoccupazione doppia visto che domenica sera sarebbe in programma Juve-Napoli, per il popolo azzurro la madre di tutte le sfide.

Sabato erano risultati tutti negativi i tamponi a cui erano stati sottoposti giocatori e staff tecnico del Genoa per poter affrontare la trasferta napoletana. Oggi il virologo Massimo Galli ha espresso dubbi su tutta la vicenda: “Non credo che dobbiamo fasciarci la testa. Questa vicenda del Genoa – ha dichiarato il medico milanese – è molto particolare e meritevole di una conferma. Il positivizzarsi in così poco tempo di molte persone che erano negative al test precedente mi lascia perplesso”.


Per Galli fino a che non ci sarà una conferma diretta, bisognerà valutare con cautela: “La cosa che trovo singolare – conclude il virologo – è che tutti questi 14 siano diventati positivi tutti assieme da un test all’altro. Non so se abbiano già fatto i test di conferma. Un minimo di riconsiderazione della cosa credo sia indispensabile”.



Share
Condividi
PrecedenteFF Napoli calcio a 5: definito tutto lo staff dirigenziale e tecnico
SuccessivoGiancarlo Siani, un giornalista giornalista
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo, si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.