Si spara per le strade di Napoli nelle prime ore del giorno. Morto in un conflitto a fuoco con la Polizia un rapinatore 17enne. Il complice diciottenne, risultato essere il figlio di Genny la Carogna, è stato arrestato.

Il ragazzo morto si chiama Luigi Caiafa mentre l’arrestato è Ciro De Tommaso.




Il fatto è successo a via Duomo angolo via Marina intorno alle 4,30 di questa mattina. Un equipaggio dei Falchi, allertato da una chiamata dalla centrale, ha inseguito dei rapinatori.

I poliziotti sono intervenuti nel corso della rapina a mano armata ai danni di alcuni automobilisti. Nel corso dell’azione, un agente ha sparato ed uno dei giovani è rimasto appunto ucciso.

In questura a Napoli, le vittime della rapina sono state ascoltate dagli inquirenti per ricostruire la dinamica dei fatti. Secondo quanto ricostruito finora, i due giovani a bordo di uno scooter hanno bloccato l’auto e armati di pistola stavano rapinando le tre persone a bordo. Uno di loro sarebbe entrato nella vettura ed è in quel momento che sarebbe arrivata la pattuglia della Polizia.

A questo punto, non sarebbe più chiara la ricostruzione. Uno degli agenti ha sicuramente esploso un colpo e il 17enne e rimasto ucciso.




Lo scooter utilizzato per la rapina è risultato rubato. L’arma utilizzata per la rapina è stata sequestrata e solo successivamente è risultata essere una replica a cui era stato asportato il tappo rosso.

Negli ultimi minuti la dichiarazione del Questore di Napoli: “Il Capo della Polizia, con cui sono in costante contatto e che segue attentamente la vicenda,  pur nel pieno rispetto degli esiti dei doverosi accertamenti della Magistratura e dell’umana pietà per la morte di un ragazzo, mi ha raccomandato di rinnovare la sua vicinanza e il sostegno agli operatori della Polizia di Stato come delle consorelle forze di polizia che sono chiamati, rischiando la vita, ad affrontare un contesto criminale diffuso ed estremamente pericoloso”.


Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedentePorta Nolana: denunciato un uomo armato di coltello
SuccessivoUfficiale: il Napoli non parte. Cosa succederà stasera?
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.