La voce già circolava in mattinata, ma il caos si è scatenato verso le 10,30 di questa mattinata quando il consigliere Lino Donato ha pubblicato sul suo profilo social il seguente messaggio: “Sono risultato positivo al Covid-19!! Sono tuttavia asintomatico. Ieri sera mi hanno dato il risultato. Farò come prescrive la legge la mia quarantena e tornerò forte come un leone più di prima”.


Immediatamente si è scatenato un fuggi fuggi, tra i dipendenti del Municipio allertati soprattutto dal fatto che il papà del consigliere Donato è dipendete dell’Ente di via Aldo Moro. Ed è stato proprio il genitore del consigliere comunale ad allontanarsi per primo dagli uffici comunali. L’uomo, pur essendo risultato negativo al test rapido effettuato dalla maggior parte dei dipendenti e degli amministratori solo poche ore prima, ha lasciato il comune probabilmente a scopo cautelativo per mettersi in isolamento preventivo.

Al momento sembra che un intero piano del Comune sia completamente vuoto. Diversi dipendenti hanno usufruito di permessi e si sono allontanati per la logica ed inevitabile paura di contagiarsi. C’è da sottolineare che fino ad oggi sembra non ci siano mai stati termo scanner e controlli per l’accesso alla sede comunale.


Solo da pochi minuti il sindaco si sarebbe recato in comune per verificare quanto sta accadendo e decidere sul da farsi. Nei giorni scorsi sembra che una dipendente sia già risulta positiva al test sierologico.

In allarme ora l’intera cittadina. Per domani è in programma il Consiglio Comunale che una volta sanificato l’intero edificio comunale potrebbe anche celebrarsi comunque.

Mimmo Lucci