Da pochi minuti la notizia è stata veicolata attraverso i canali social. La riunione dei sindaci della penisola sorrentina si è svolta questa sera e ha dato come risultato una stretta anti-Covid, una sorta di lockdown soft che prevede alcune limitazioni, ma non la chiusura delle scuole come paventato nel pomeriggio.


A darne la notizia il neo sindaco di Sorrento, Massimo Coppola, che ha così informato i suoi concittadini e quelli ti tutti i comuni costieri del comprensorio: “I Sindaci della penisola sorrentina si sono riuniti questa sera presso il Municipio di Sant’Agnello per discutere dell’emergenza sanitaria in corso e condividere un indirizzo unitario.
Tutti noi sindaci ribadiamo l’impegno profuso negli ultimi mesi per garantire il rispetto dei protocolli di sicurezza nell’ambito delle strutture scolastiche di competenza comunale.
Infatti, ovunque, sono stati intrapresi interventi per garantire spazi adeguati alla popolazione scolastica o con lavori o tramite il reperimento di aule aggiuntive.
Questo – sottolinea il sindaco sorrentino – perché scuola è considerata uno dei luoghi fondativi dell’identità personale e collettiva”.



Il messaggio postato anche dagli altri sindaci della penisola ha messo in evidenza la presa d’atto del fatto che l’evoluzione in corso nei casi di contagio presenti sui territori della penisola sta effettivamente creando una legittima apprensione tra i cittadini che giustamente si aspettano misure idonee da parte delle istituzioni.

In questa fase, quindi, abbiamo deciso – pubblica sul suo profilo social anche in sindaco di Sant’Agnello, Piergiorgio Sagristani – di adottare misure collaterali per limitare assembramenti nei luoghi pubblici“.

Il post social quindi ha annunciato che i sindaci si impegnano ad emanare un’ordinanza di sospensione per tutte le attività sportive non agonistiche che si tengono in strutture di competenza comunale. Inoltre, sono sospesi gli accessi ai parchi giochi, ai parchi pubblici comunali, nonché ai centri anziani. Saranno sospesi anche i mercati rionali.


“Rivolgiamo un invito alle forze dell’ordine presenti sui nostri territori ed una precisa disposizione ai comandi delle Polizie Municipali – si legge nel messaggio delle fasce tricolori – affinché assicurino la massima vigilanza su tutte le attività aperte al pubblico, per garantire il più rigoroso rispetto delle norme sul distanziamento e quelle previste dai protocolli sanitari.

Al tempo stesso, i sindaci di comune accordo chiedono un incontro urgente con l’amministratore delegato di EAV – Ente Autonomo Volturno srl, il dottor Umberto De Gregorio, al fine di ottenere su treni e bus aziendali il rispetto delle distanze tra gli utenti, anche incrementando il numero delle corse”.


Nessuna limitazione o chiusura nell’accesso alle scuole, quindi è stata prevista per il momento, “fatto salvo quanto disposto dalle singole istituzioni scolastiche in ragione di casi di contagio”.

Il messaggio del sindaco Massimo Coppola e dei suoi colleghi si conclude con la certezza dell’impegno che le Amministrazioni comunali prendono per un lavoro costante di monitoraggio e di condivisione dei dati e “si riservano di adottare ulteriori e più incisive misure nel caso fosse necessario“.

Share