La Banca Mondiale fornirà fino a 160 miliardi di dollari di finanziamenti per la risposta al Covid-19.

A dircelo é direttamente una loro nota del 4 settembre dove si evince appunto che “in 15 mesi, il Gruppo della Banca Mondiale fornirà fino a 160 miliardi di dollari di finanziamenti su misura per gli shock sanitari, economici e sociali che i paesi stanno affrontando”. In pratica quello che farà la World Bank sarà svolgere un’azione ampia “per aiutare i paesi in via di sviluppo a rafforzare la loro risposta alle pandemie, aumentare la sorveglianza delle malattie, migliorare gli interventi di sanità pubblica e aiutare il settore privato a continuare a operare e sostenere i posti di lavoro”.


La World Bank nella nota parla addirittura di una mappa interattiva dove poter visionare i finanziamenti ogni volta che vengono elaborati e che diventano disponibili. Si tratta sia dei progetti che fanno parte del Programma di preparazione e risposta strategica COVID-19 (SPRP), sia dei progetti che ricevono finanziamenti COVID-19 attraverso la ristrutturazione, la ridistribuzione e la riallocazione di risorse esistenti.

La Banca Mondiale fornirà fino a 160 miliardi di dollari di finanziamenti per la risposta al Covid-19

Ma c’é un altro documento molto interessante prodotto dalla World Bank,  ed é inserito nel contesto storico internazionale del Covid-19, il progetto riporta come data di approvazione il 2 aprile 2020 e data di chiusura 31 marzo 2025 ed é il seguente: “COVID-19 PREPARAZIONE STRATEGICA E PROGRAMMA DI RISPOSTA E PROPOSTA di 25 PROGETTI IN FASE 1 – UTILIZZO DELL’APPROCCIO PROGRAMMATICO MULTIFASE”.


Il Contesto Strategico di cui parla la Banca Mondiale nel documento a pagina 6 dice che: “Il 3 marzo 2020, il Consiglio di amministrazione ha incaricato il Gruppo della Banca mondiale (WBG) di adottare misure urgenti e azioni a sostegno della risposta dei paesi clienti alla pandemia COVID-19. Il Consiglio ha inoltre autorizzato l’istituzione di una struttura WBG Fast Track COVID-19 da 12 miliardi di dollari”.

world bank covid 19 response

Da ricordare che l’11 marzo 2020 l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarava quanto segue: “Pandemia non è una parola da usare con leggerezza o negligenza. È una parola che, se usata in modo improprio, può causare una paura irragionevole o un’accettazione ingiustificata che la lotta sia finita, portando a sofferenze e morte inutili”.


L’OMS, come riportato anche dal nostro Ministero della Salute descriveva la situazione come una pandemia: “Descrivere la situazione come una pandemia non cambia la valutazione dell’OMS sulla minaccia rappresentata da questo virus. Non cambia ciò che sta facendo l’OMS e non cambia ciò che i paesi dovrebbero fare”.

La World Bank é pronta con 160 miliardi di dollari per la risposta al Covid-19
Tedros Adhanom Ghebreyesus, Director-General of the World Health Organization

Le dichiarazioni del presidente del Gruppo della Banca mondiale e del Direttore generale delle operazioni della Banca mondiale

“Il Gruppo della Banca Mondiale sta intraprendendo un’azione ampia e rapida per ridurre la diffusione del COVID-19 e abbiamo già operazioni di risposta sanitaria in corso in oltre 65 paesi. Stiamo lavorando per rafforzare la capacità dei paesi in via di sviluppo di rispondere alla pandemia COVID-19 e abbreviare i tempi per la ripresa economica e sociale. I paesi più poveri e più vulnerabili saranno probabilmente i più colpiti e i nostri team in tutto il mondo restano concentrati su soluzioni a livello di paese e regionali per affrontare la crisi in corso”, ha affermato il presidente del Gruppo della Banca mondiale David Malpass.

David Malpas World Bank director
David Malpas, World Bank director

“Questo pacchetto di risposta rapida salverà vite umane e aiuterà a rilevare, prevenire e rispondere al COVID-19 nei paesi in cui operiamo. Le operazioni del nostro paese saranno coordinate a livello globale per garantire che le migliori pratiche siano rapidamente condivise, compresi gli approcci per rafforzare i sistemi sanitari nazionali e prepararsi per potenziali ondate successive di questo virus devastante”, ha affermato Axel van Trotsenburg, Direttore generale delle operazioni della Banca mondiale.

Axel van Trotsenburg, Direttore generale delle operazioni della Banca mondiale
Axel van Trotsenburg, Direttore generale delle operazioni della Banca mondiale

Andrea Ippolito



Share