Il calciomercato 2020 si è chiuso ufficialmente il 5 ottobre. Anche il mondo dello sport, così come quello delle scommesse calcio, ha inevitabilmente risentito del particolare periodo di emergenza. Nell’approfondito bilancio pubblicato da L’Insider possiamo vedere in maniera dettagliata come si siano mossi i principali campionati europei. La Serie A ha chiuso in netto calo rispetto alle ultime 4 finestre estive con 760 milioni spesi in questa sessione di calciomercato, mentre la Premier League ha dominato ampiamente la scena europea.

Vediamo insieme i dettagli!

Quali squadre hanno investito di più in Serie A?

In Serie A la squadra che nel corso dell’ultima sessione di calciomercato ha speso di più è stata la Juventus con 110,20 milioni di euro. Al secondo posto troviamo l’Inter, che ha investito ben 97 milioni di euro, mentre al terzo figura inaspettatamente il Parma che ha speso oltre 80 milioni di euro. A seguire Napoli, Roma e Atalanta, che hanno investito rispettivamente 73.5, 60 e 49.1 milioni di euro. Fanalini di coda Spezia, Udinese e Bologna.

Gli acquisti più costosi della Serie A

L’acquisto più esoso è stato messo a segno dai bianconeri, che hanno ottenuto l’ingaggio di Arthur per 72 milioni di euro, a cui si aggiungono 10 milioni di bonus.

Al secondo posto troviamo il Napoli che ha deciso di investire notevolmente in attacco, spendendo quasi quasi 70 milioni di euro,  tra cartellino e varie contropartite tecniche, per il promettente attaccante nigeriano Victor Osimhen. Sul gradino più basso del podio c’è ancora la Juventus, che in extremis ha concluso con la Fiorentina per Federico Chiesa per circa 60 milioni di euro. Quarta posizione per Achraf Hakimi, pagato 40 milioni di euro dai nerazzurri.

La Premier League domina la scena europea

Il Chelsea è la società che ha investito di più nell’ultima sessione di mercato, nessuno ha infatti speso quanto la squadra londinese. Non ha badato a spese per giocatori del calibro di Kai Havertz e Timo Werner, oltre a Chilwell, Ziyech, Thiago Silva ed Edouard Mendy. L’obiettivo di Lampard è quello di costruire una squadra giovane e talentuosa.

Il Manchester City, nonostante il Fair Play Finanziario imposto dalla UEFA, ha messo a segno il secondo colpo di mercato più costoso della Premier League. I Citizens, che sono riusciti comunque a  ottenere la riammissione alle Coppe, hanno acquistato Ruben Dias per 50 milioni.

Nella Liga spagnola il Barcellona, che sembrava potesse privarsi di Messi da un momento all’altro, ha speso 60 milioni di euro per accaparrarsi Pjanic, mentre in Bundesliga il Bayern Monaco ha ingaggiato Leroy Sane per 45 milioni.

Nella Ligue 1 il PSG ha riscattato l’ex Inter Mauro Icardi, dopo la stagione in prestito, per quasi 50 milioni.



 

Share