E’ entrata in vigore stamattina alle ore 8.30 l’ordinanza predisposta e firmata dal sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, che vieta l’ingresso alla villa comunale, al lungomare di Salerno e alla spiaggia di Santa Teresa. La chiusura sarà valida dalle 8.30 del sabato sino alle ore 5 del lunedì successivo, per tutti i weekend fino al 3 dicembre.


Il Sindaco salernitano ha voluto far proprio l’appello del governatore della Campania Vincenzo De Luca che, all’indomani della decisione del governo di inserire la Campania nella zona gialla, quella cioè a rischio moderato, aveva esortato i sindaci del territorio campano a provvedere alla chiusura di centri cittadini e lungomare per contenere la diffusione del contagio del Coronavirus e arginare in qualche modo, comportamenti scorretti ed assembramenti.

Una decisione quella di Vincenzo Napoli, peraltro completamente opposta a quella assunta dal sindaco partenopeo, un divieto che dovrà essere metabolizzato dai residenti e richiederà soprattutto la capillare presenza della polizia municipale che sarà chiamata a vigilare, coadiuvata ove fosse possibile dalle altre forze dell’ordine in campo affinché l’ordinanza possa essere rispettata.


In questo momento delicato, con ospedali al collasso, mancanza di posti letto, medici allo strenuo delle forze ed aumentata circolazione del virus, “…sarebbe fuori luogo ogni atteggiamento di auto consolazione e di rilassamento – la considerazione del governatore campano – La situazione è pesante. E si rischia ora un paradosso: che chi è in zona rossa o arancione fra un mese riapre tutte le attività, avendo frenato il contagio; e chi oggi chiude gli occhi, dovrà bloccare tutto nel periodo natalizio. Deve essere chiaro che da oggi in poi saranno decisivi i comportamenti dei concittadini. Il contagio non scomparirà da solo. E il rischio di avere situazioni drammatiche è dietro l’angolo. Comportamenti irresponsabili, ancora largamente presenti nei nostri territori, rischiano di pregiudicare tutto”.

Purtroppo però la decisione di chiudere il lungomare non ha ottenuto i risultati sperati. Lungomare deserto, ma cittadini riversatisi tutti sulle passeggiate del centro città.



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteErcolano, varata la Giunta del Buonajuto-Bis
SuccessivoCalano i tamponi e i positivi, ma la percentuale è quasi al 19%. Ospedali sotto pressione
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.