Un altro lutto durissimo si è abbattuto, in pochi giorni, sul mondo dello spettacolo italiano. Dopo l’addio all’indimenticabile Gigi Proietti, a lasciarci improvvisamente è uno dei pilastri del gruppo musicale italiano più longevo e forse più amato di tutti i tempi, i Pooh.

Stefano ci ha lasciato… era ricoverato da una settimana e per rispetto non ne avevamo mai parlato… oggi pomeriggio, dopo giorni di paura, sembrava che la situazione stesse migliorando… poi, stasera, la terribile notizia“. A dare per primo la notizia della scomparsa di Stefano D’Orazio, batterista, voce, flauto e coautore di molti brani dei Pooh, l’amico Bobo Craxi che in un twitter doloroso lo ha salutato così: “Stefano amico mio. Suona e scrivi anche da lassù. Ciao!“.


L’artista 72enne lottava da anni con problemi di salute, ma non si era mai lamentato né erano trapelate indiscrezioni in merito, poi improvvisamente circa una settimana fa era stato ricoverato per Covid. “Ci hanno detto che era il Covid. Il virus gli aveva già preso i polmoni, e poi tutto è precipitato” – ha ricordato emozionato e sconcertato Red Canzian.

Eppure qualche miglioramento aveva fatto sperare che potesse, in qualche modo, affrontare il decorso di questa infida malattia e migliorare. Invece, probabilmente anche per la presenza di pregresse patologie, in pochissime ore, la situazione clinica del batterista è degenerata portandolo al decesso.


Non si dà pace l’amico Red che, incredulo dinanzi all’accaduto ha aggiunto: “Sono devastato. Stefano mi era molto vicino, e io ero molto vicino a lui. Trovo assurdo quello che stiamo vivendo. La velocità è stata disarmante, la morte dolorosa e il Covid ha reso tutto crudele, ci ha tolto la possibilità di stare con lui, di stargli vicino, di tenergli la mano. E’ un peggiorativo a un dolore già assurdo. E’ una malattia bastarda, che aggiunge crudeltà al dolore“.

Abbiamo perso un fratello un compagno di vita, il testimone di tanti momenti importanti, ma soprattutto, tutti noi, abbiamo perso una persona per bene, onesta prima di tutto con se stessa. Preghiamo per lui” – le parole struggenti postate sui social dai componenti del gruppo – “Ciao Stefano, nostro amico per sempre… Roby, Dodi, Red, Riccardo“.