Stamattina gli agenti del Commissariato Dante hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica, con cui sono stati disposti gli arresti domiciliari nei confronti di Mario Palazzo e Domenico Paolella, napoletani di 37 e 32 anni con precedenti di polizia, ritenuti responsabili di una rapina avvenuta lo scorso 14 ottobre in via Sciuti.



I due, a bordo di uno scooter, avrebbero affiancato una ragazza rapinandola del suo telefono cellulare per poi darsi alla fuga. I poliziotti, grazie alle descrizioni fornite dalla vittima e alle immagini del sistema di videosorveglianza cittadina, hanno identificato i presunti autori e, presso l’abitazione di uno dei due, hanno rinvenuto il cellulare che è stato restituito alla vittima.



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteAltro caso Covid per il Napoli: Rrahmani positivo
SuccessivoStabiese ucciso in Tunisia: tutti i misteri sulla morte di Giovanni Donnarumma
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.