A lanciare la proposta il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli: “Purtroppo con la morte di Diego Armando Maradona termina definitivamente un’epoca di orgoglio e riscatto per la città di Napoli e il mezzogiorno.


Maradona è stato non solo un grande giocatore ma un simbolo di una stagione straordinaria per la nostra terra.

Siamo certi che Napoli saprà rendergli omaggio intitolandogli anche una piazza o anche lo stesso Stadio San Paolo”.

In pieno centro, in piazza Municipio una sola voce: “Maradona era il più grande di tutti”. Anche a Fuorigrotta, dove si trova il San Paolo, tempio calcistico di Maradona, c’è chi si commuove ai ricordi per le sue straordinarie giocate. E una donna dice: “Questo 2020 è veramente l’anno peggiore”.

Alla notizia il sindaco di Napoli ha subito diffuso una nota. “È morto Diego Armando Maradona, il più immenso calciatore di tutti i tempi. Diego ha fatto sognare il nostro popolo, ha riscattato Napoli con la sua genialità. Nel 2017 era divenuto nostro cittadino onorario. Diego, napoletano e argentino, ci hai donato gioia e felicità! Napoli ti ama!”, ha scritto Luigi De Magistris. Poi su Twitter anche il primo cittadino partenopeo ha lanciato la proposta: “Intitoliamo lo Stadio San Paolo a Diego Armando Maradona“.

Anche il governatore De Luca ha ricordato Diego: “Unico, irripetibile genialità, il più grande di tutti, il più amato di tutti. Un grande uomo di calcio, un grande uomo di sport che prima del mondo intero, ha fatto innamorare Napoli perché di slancio e senza ipocrisia ha saputo scoprirne e interpretarne l’anima. Ha contribuito a riaccenderne l’orgoglio, unendo generazioni che lo hanno saputo amare, capire e anche perdonare”.



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteÈ morto Diego Armando Maradona
SuccessivoL’ultima intervista di Diego Maradona: “A volte mi chiedo se la gente continuerà ad amarmi”
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.