Diego Armando Maradona è morto e il mondo non è già più lo stesso. Per gli argentini, napoletani e per molti amanti del calcio in tutto il pianeta lui fu uno dei migliori giocatori della storia. Aveva compiuto 60 anni nel 2020 e in quel contesto ha rilasciato quella che sarebbe stata la sua ultima intervista con il giornale argentino Clarín.

Il ragazzo che è nato e cresciuto a Villa Fiorito, il ragazzo che ha consumato l’unico paio di ciabatte che aveva nel campetto, il giovane che ha cominciato a sognare la Cebollita, che ha studiato alla prestigiosa scuola argentina e che ha provato emozioni che non avrebbe mai immaginato. L’allenatore che sarà sempre un calciatore. Il ragazzo che fermerebbe una palla sporca anche se indossasse un vestito nuovo. Quello delle contraddizioni. Quello sul Mondiale perfetto e quello sul doping. Quello che ha cambiato la sua vita quando non c’era nemmeno quel concetto. Quello che era il protagonista principale, volente o nolente, di un reality show costante. Quello che un paio di volte riesce a stento a dribblare a morte. La stessa che questa volta lo ha battuto. L’uomo in cui convivono tutti questi ingredienti e tanti altri: Diego Armando Maradona.


-Qual è stata la cosa migliore e quella peggiore che ti è successa nella tua vita? Ti penti di qualcosa?

-Il calcio mi ha dato tutto quello che avevo, più di quanto avessi mai immaginato. E se non avessi avuto quella dipendenza avrei potuto giocare molto di più. Ma oggi quello è passato, sto bene e quello che rimpiango di più è non avere i miei genitori. Esprimo sempre quel desiderio, un giorno in più con Tota ma so che dal cielo è orgogliosa di me e che era molto felice.


-Alza il bicchiere per il tuo compleanno e esprimi un desiderio per tutti gli argentini.

-Il mio augurio è che questa pandemia passi il prima possibile e che la mia Argentina possa andare avanti. Voglio che tutti gli argentini stiano bene, abbiamo un bel paese e sono fiducioso che il nostro Presidente saprà tirarci fuori da questo momento. Mi rattrista molto quando vedo bambini che non hanno abbastanza da mangiare, so com’è avere fame, so cosa si prova a non mangiare per diversi giorni e questo non può accadere nel mio paese. Questo è il mio desiderio, vedere gli argentini felici, e mangiando tutti i giorni.

“Sono tempi di protocolli severi per tutti. E Diego, essendo un paziente a rischio, doveva adattarsi alle regole imposte dal contesto pandemico. Isolato nella sua casa di Brandsen e nel suo unico reportage su un media argentino, Maradona acconsentì a rispondere alle domande che Clarín gli fece pervenire attraverso il suo capo stampa in occasione del suo compleanno. Di calcio e di vita parla il Dieci.”


-La pandemia ti ha colpito in prima persona: morì tuo cognato, tua sorella Lili fu colpita e anche tu dovesti mantenere le restrizioni. Hai paura del coronavirus?

-Questa è la cosa peggiore che ci sia mai capitata, non ho mai visto una cosa simile. E l’America Latina è molto più colpita. Spero che finisca presto, ci sono persone che non se la passano bene, molte persone che sono rimaste senza lavoro, che hanno difficoltà a mangiare. Ho fiducia in (Vladimir, il presidente della Russia) Putin, sono sicuro che presto avrà un vaccino perché questo non regge più.

-Vedi come cambia il viso della gente quando ti si avvicina, ti vede o ti tocca?

-Io alla gente sarò eternamente grato. Ogni giorno mi sorprendono, quello che ho vissuto in questo giro di calcio argentino non lo dimenticherò mai. Ha superato quello che avrei potuto immaginare. Perché sono stato fuori per molto tempo e a volte ci si chiede se la gente continuerà ad amarmi, se continueranno a provare la stessa cosa… Quando sono entrata in campo a ginnastica il giorno della presentazione, ho sentito che l’amore con la gente non finirà mai.


-Che cosa ha lo sportivo argentino di qualsiasi disciplina che fa l’impossibile per difendere i colori celeste e bianco?

-Noi partiamo molto presto dal paese, viviamo molto tempo fuori e ci si meraviglia molto. Per questo quando una selezione ti chiama vieni così sia nuotando. Perché è sentirsi di nuovo nel tuo paese, è difendere la bandiera e questo ci rende diversi.

-Cosa ti entusiasma dello sport argentino?

-Tutto, guardo tutto, seguo ogni argentino dove sono. Dove la bandiera argentina è presente sempre sarò incoraggiante. Quando vedo il volto di qualche atleta argentino che vince mi emoziona. L’altro giorno vedevo il Peque (Diego Schwartzman) con Nadal e soffrivo più di lui.


-Come hai vissuto il caso Messi-Bartomeu-Barcelona? Al suo posto avresti anche sbattuto la porta?

-Sapevo che sarebbe finita male e ho pensato che Leo se ne sarebbe andato. È successo anche a me. Il Barcellona non è un club facile e sono molti anni che è lì e non è stato trattato come meritava. Diede loro tutto, li portò in cima e un giorno volle uscire per cambiare aria e gli dissero di no. Il fatto è che sbattere una porta non è facile, c’è un contratto, un club molto grande, la gente che ti ama. Io al Napoli non l’ho fatto.

-Chi è più candidato a vincere la Coppa Liberatori: River o Boca?

-Bocca va bene, mi piace. Miguel (Russo) ha dato la squadra solidità indietro ed ora ha aggiunto un paio di giocatori che gli hanno alzato il livello. River viene da un po’ di tempo fa a lavorare con Gallardo, ed è importante, si conoscono già a memoria, ma in questa ho molta fiducia in Boca.



Share