Oltre mille in meno, rispetto alla giornata precedente, i tamponi processati nella giornata del 26 novembre: sono stati 22.301. Circa una settantina in meno i nuovi positivi, che nel bollettino odierno risultano essere 2.924, ieri ne furono registrati 3.008.

Tra i positivi riscontrati, quelli sintomatici sono oggi 274, mentre sono 2.650 gli asintomatici. Negli ultimi 10 giorni sono state rilevate 30.657 persone positive, su 222.323 tamponi analizzati.




Oggi anche se in maniera lieve, la percentuale tra i tamponi effettuati e i positivi riscontrati, continua a risalire di quasi mezzo punto, arrivando al 13,11%, ieri era stata del 12,65%, mentre due giorni fa, era un punto in meno essendosi fermata al 12,17%.

Nelle ultime 48 ore sono stati registrati 5.932 casi sul territorio regionale, dove l’abbassamento della curva epidemica potrebbe consentire l’uscita dalla zona rossa nei prossimi giorni. Negli ospedali migliora la situazione, anche per effetto dell’alto numero di guariti che si sono avuti nell’ultimo giorno. Sono 2.263 i guariti nel bollettino quotidiano che fanno salire il totale a 43.414.




A destare ancora preoccupazione è il dato dei decessi che continuano ad essere in numero elevato. Nella giornata di ieri sono stati registrati ancora 63 decessi. Di questi, 37 deceduti nelle ultime 48 ore e 26 deceduti in precedenza, ma registrati ieri a seguito di accertamenti. Il totale delle vittime del virus sale così a 1.546 dall’inizio dell’epidemia. Il numero dei decessi dal primo di ottobre ad oggi giunge a 1.116.

Il nuovo report su base regionale diffuso dall’Unità di Crisi riferisce che negli ospedali c’è un nuovo calo dei pazienti in terapia intensiva, che porta al 28.04% la percentuale di occupazione delle Terapie intensive con 462 posti disponibili, mentre per quel che riguarda i ricoveri ordinari covid sale a  972 la riserva di posti letto complessivi.

Situazione Clinica

Il totale dei positivi è di 148.942 da inizio pandemia, mentre il totale dei tamponi eseguiti è stato di 1.530.803 tamponi effettuati.

Oggi sono 2.188 i positivi con sintomi Covid ricoverati e scendono di altre 24 unità. Diminuiscono di 16 unità i pazienti ricoverati in terapia intensiva.

Aumenta il numero delle persone attualmente positive, cioè detratti i guariti e i deceduti, che oggi sono 103.982, salendo di altre 598 unità. Aumenta anche il numero delle persone in isolamento domiciliare che oggi sono 101.610, con un incremento di 638 unità.


I contagi in Campania negli ultimi 10 giorni:

Martedì 17 novembre           – 15,57%  –  3.657 contagiati
Mercoledì 18 novembre        – 14,18%  –  3.334 contagiati
Giovedì 19 novembre           – 15,28%  –  4.226 contagiati
Venerdì 20 novembre           – 14,39%  –  3.554 contagiati
Sabato 21 novembre            – 13,22%  –  2.217 contagiati
Domenica 22 novembre        – 13,71%  –  2.158 contagiati
Lunedì 23 novembre             – 12,83%  –  1.764 contagiati
Martedì 24 novembre           – 12,17%  –  2.815 contagiati
mercoledì 25 novembre        – 12,65%  –  3008 contagiati
Giovedì 26 novembre            – 13,11%  – 2.924 contagiati 

Grafico elaborato da Giuseppe Velardo

Questi i dati del contagio provincia per provincia:

– Provincia di Napoli        :  92.583      (+1.609)   
– Provincia di Salerno      :  18.454         (+469)                            
– Provincia di Avellino     :    6.956          (+142)
– Provincia di Caserta      :  28.185         (+654)
Provincia di Benevento :    2.727           (+66)                                

Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati.



Il contagio in Italia

Sono 28.352 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Lo riporta il bollettino del ministero della Salute. Gli attualmente positivi scendono di 7.952 unità, mentre i guariti o dimessi sono 35.467.

Per il secondo giorno consecutivo diminuiscono i pazienti ricoverati in terapia intensiva che passano dai 3.846 di ieri ai 3.782, con un calo di 64 unità. Lo riporta il nuovo bollettino del Ministero della Salute. Ancora in calo, per il quarto giorno consecutivo, anche i ricoverati in area medica che dai 34.038 di ieri ai 33.684, con un calo di 354 unità.

Le tre regioni con il più alto incremento dei contagi sono la Lombardia (+5389), il Veneto (+3418) e il Piemonte (+3149).


Le vittime sono 827 in un giorno, mentre le terapie intensive sono 3.782 (-64). Sulle terapie intensive comunque si conferma l’andamento molto diverso rispetto ai mesi scorsi: la percentuale di positivi ricoverati il 4 aprile era del 4,5%, mentre al 27 novembre è dello 0,5%

Le vittime per regioni

Quanto alle vittime, se ne registrano:

  • 21.393  in Lombardia
  • 5.972  in Piemonte
  • 1.546  in Campania
  • 3.561  in Veneto
  • 5.614  in Emilia-Romagna
  • 2.284 nel Lazio
  • 2.516 in Toscana
  • 1.418 in Sicilia
  • 2.336 in Liguria
  • 1.402 in Puglia
  • 1.230 nelle Marche
  • 776 in Friuli Venezia Giulia
  • 868 in Abruzzo
  • 383 in Umbria
  • 520 nella Provincia autonoma di Bolzano
  • 427 in Sardegna
  • 259 in Calabria
  • 623 nella Provincia autonoma di Trento
  • 139 in Basilicata
  • 302 in Valle d’Aosta
  • 108 in Molise


Share
Condividi
PrecedenteSorrento coronavirus, altri due contagi
SuccessivoVia alla seconda edizione di “Stabia in versi”, pubblicato il bando
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo, si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.