La Juve Stabia non riesce a trovare la seconda vittoria di seguito in casa facendosi fermare dalla Paganese sull’1-1. Gialloblù inconcludenti che non riescono a sfruttare la superiorità numerica nel finale di gara per l’espulsione di Gaeta.

La Juve Stabia era passata nel primo tempo con Romero, ma poi una quadrata e ordinata Paganese è riuscita a pareggiare con Mendicino e avrebbe pure potuto fare qualcosa in più in contropiede. Alla fine della contesa, la Juve Stabia non ha mostrato un grande gioco in questo derby peccando di qualità nei vari reparti. La Paganese ha giocato con agonismo confermandosi squadra da trasferta.

Juve Stabia con il 4-3-3: out Troest, Fantacci e Cernigoi. In attacco Romero, supportato da Orlando e Bentivegna.



La Paganese modifica il suo classico modulo 3-5-2 e risponde con il 4-4-2, in attacco Diop e Mendicino, Scarpa (capitano 41enne) defilato come ala sulla sinistra.

La Juve Stabia viene fermata in casa dalla Paganese
La Juve Stabia omaggia Maradona con la maglia da gioco n.10

La partita

Partenza sprint della Paganese che al 1′ minuto con Scarpa va vicina al gol sulla prima occasione: l’attaccante raccoglie in area una palla vagante a seguito di un tiro di Diop in incursione a destra, sulla conclusione a rete dell’esperto capitano, il portiere Tomei si supera ed evita la capitolazione della porta.

La Paganese conquista tre corner in tre minuti mettendo alle strette i gialloblù.

La Juve Stabia tiene bene e accelera, passando in vantaggio al 12′ dopo una sontuosa manovra sulla destra, finalizzata da Orlando che si destreggia efficacemente al limite dell’area avversaria, si libera di Onescu e lascia partire un tiro su cui Campani non riesce a trattenere, arriva Romero come un falco e infila per l’1-0.

Il match è gradevole e giocato su buoni ritmi con le squadre ben disposte in campo e propositive.

Al 28′ Diop conclude di testa in area su azione da punizione da sinistra, sfiorando il pareggio.



Al 38′ pari della Paganese: Mendicino si libera di Allievi in area, dopo che Codromaz sbaglia l’anticipo sulla punta, si gira e trafigge Tomei con un forte destro.

La Juve Stabia viene fermata in casa dalla Paganese
Il goal della Juve Stabia

La Paganese approfitta del momento di ambasce della Juve Stabia creando qualche pericolo in area gialloblù. Il primo tempo si chiude sull’1-1 con una Paganese brava nel recuperare l’iniziale svantaggio e con una Juve Stabia che sembra soffrire in retroguardia.

Ad inizio ripresa mister Padalino cambia l’evanescente Bentivegna inserendo Golfo.

Al 7′ Mastalli su punizione dal limite sfiora la rete. La Juve Stabia prova a spingere ma è inconcludente in attacco, a centrocampo sembrano esserci poche idee. Poche le conclusioni a rete nella ripresa con le squadre un po’ confusionario.

Al 34′ Padalino tenta la carta Ripa, nuovo arrivo in casa stabiese. La Juve passa al 3-4-3. Al 36′ Guadagni in contropiede per la Paganese, salva Tomei in uscita. Al 37′ gli animi si riscaldano: espulso Gaeta nelle fila paganesi per doppia ammonizione.

Al 44′ Diop sbaglia l’affondo in contropiede sprecando un’occasione. La Juve Stabia non riesce a sfruttare la superiorità numerica. Al 50′ Codromaz centra il palo di testa e la partita finisce 1-1.


Tabellino

Juve Stabia (4-3-3): Tomei 6; Garattoni 5.5 Codromaz 5 Allievi 5.5 Rizzo 5.5 (34′ st Mule’ 5.5); Scaccabarozzi 5 (27′ Vallocchia 5) Berardocco 5 Mastalli 5.5 (34′ st Ripa 6); Bentivegna 5 (1′ st Golfo 5) Romero 6.5 Orlando 5.5 (27′ st Bubas 5). All.: Padalino 5.

Paganese (4-4-2): Campani 5; Cigagna 6 Schiavino 5.5 Sirignano 6 (48′ st Perazzolo sv) Squillace 6; Carotenuto 6 (26′ st Mattia 6) Onescu 6 Gaeta 5 Scarpa 6.5; Diop 6.5 Mendicino 6.5 (31′ st Guadagni 6). All.: Erra 6.5.

Arbitro: Longo di Paola 5. Guardalinee: Matera-Cleopazzo. Marcatori: 12′ pt Romero (JS), 38′ pt Mendicino (P). Espulso: 37′ st Gaeta per doppia ammonizione. Ammoniti: Garattoni (JS), Campani (P), Berardocco (JS), Diop (P), Carotenuto (P), Scaccabarozzi (JS), Gaeta (P), Codromaz  (JS), Guadagni (P). Note: partita a porte chiuse. Angoli: 5-5. Recupero: 1′ pt – 5′ st. Osservato un minuto di silenzio prima del match in ricordo di Diego Armando Maradona.

Domenico Ferraro



Share