Non un bel Napoli contro l’AZ Alkmaar e non arriva la vittoria che avrebbe garantito il passaggio del turno anticipato. Nella partita di stasera gli azzurri escono dal campo con un 1-1 che, anche grazie al pareggio della Real Sociedad con il Rijeka, permette comunque di mantenere il primo posto e giungere all’ultima giornata con un discreto vantaggio.


Il Napoli infatti si trova capolista del gruppo F dell’Europa League con 10 punti, mentre AZ e Real Sociedad hanno 8 punti. All’ultimo turno, quando gli spagnoli verranno in Italia, basterà un pareggio per staccare il pass per i sedicesimi. Paradossalmente gli azzurri si qualificherebbero anche con una sconfitta, nel caso che gli olandesi non battano il Rijeka.

Una buona partenza, con un primo tempo giocato bene, la rete di Mertens che è stata segnata nei primi minuti e un ottimo lavoro a tutto campo. Non è stata concessa la profondità all’AZ, loro arma più importante, e si sarebbe potuto anche raddoppiare il vantaggio. La ripresa è stata però diametralmente opposta: scarse idee e sofferenza agli attacchi avversari. Oltre al pareggio, siglato da Martins Indi, si è rischiato molto con il calcio di rigore, parlato perfettamente da Ospina. Nonostante tutto, il Napoli ha anche sfiorato la vittoria, con Petagna che ha fallito due grosse occasioni a tu per tu con il portiere.


Nel secondo tempo si è notata anche una certa fatica da parte di alcuni giocatori, ma i loro sostituti non sono riusciti a cambiare le sorti della gara. Senz’altro non ha aiutato la schizofrenia di Gattuso sui cambi di modulo nei secondi quarantacinque minuti: dal 4-3-3 iniziale, il mister con l’ingresso di Petagna ha schierato i suoi con il 4-2-3-1, per poi tornare al 4-3-3 dopo nemmeno cinque minuti di gioco.

Una notte non positiva quindi, che però ha i suoi risvolti positivi per la classifica del girone. Giovedì prossimo si scoprirà il destino europeo del Napoli in questa stagione, se proseguirà il cammino o sarà già terminato. Ora ci sarà l’impegno di campionato: domenica è in programma la trasferta a Crotone.

Salvatore Emmanuele Palumbo



Share