Il sindaco di Portici, Vincenzo Cuomo, ha comunicato la ripresa delle attività didattiche in presenza dei servizi educativi e della scuola dell’Infanzia, degli asili nido e delle prime e seconde classi della scuola Primaria, di tutte le scuole pubbliche e private presenti sul territorio comunale, a partire dal 9 dicembre.

La decisione è stata presa a conclusione della riunione del COC, tenutasi sabato scorso, durante la quale sono intervenuti i pediatri di libera scelta e il Direttore UOC Microbiologia e Virologia dell’ Ospedale Cotugno.


A determinare la scelta di seguire le indicazioni dell’ultima ordinanza Regionale, oltre alle vigenti disposizioni normative e l’ordinanza emanata da De Luca, sono state le seguenti considerazioni:

– nelle rilevazioni relative ai flussi Covid, comunicati dalla Regione al sindaco, nei giorni dal 27/11/2020 al 03/12/2020, si registra un numero di tamponi effettuati a cittadini di Portici pari a 1.556 con un esito di nuovi contagiati pari a 143, con una percentuale di positivi sul numero di tamponi del 9,19% e con un numero di guariti di gran lunga superiore al numero dei nuovi positivi;

– che l’UOPC ASL NA3 Sud con nota prot. n. 85315 del 05/12/2020 ha comunicato che al 05/12/2020 le persone positive al COVID-19 residenti e/o domiciliate nella Città di Portici risultano essere 246, per una percentuale sulla popolazione residente pari allo 0,45%;

– che, in base al quotidiano monitoraggio dei casi COVID-19 e dei relativi ricoveri, si evidenzia un consolidamento dell’ andamento tendenziale decrescente del numero dei casi di contagio nella nostra Città.



Per gli alunni dei restanti tre anni della scuola Primaria e dei restanti ordini e gradi scolastici l’attività didattica continuerà a distanza. Restano comunque consentite in presenza, per tutte le classi, le attività destinate agli alunni con bisogni educativi speciali e/o con disabilità.

I dirigenti scolastici dovranno predisporre un orario di entrata e di uscita scaglionato, ad intervalli di almeno 30 minuti, al fine di evitare ogni forma di assembramento nelle aree di accesso alle strutture scolastiche.


Anche i genitori dovranno limitare la propria permanenza nelle aree di accesso alle strutture scolastiche per il tempo strettamente necessario all’entrata e all’uscita dei propri figli dalle scuole.

“Stante la delicatezza del momento storico e considerato il rischio pandemico, si confida nella collaborazione e nel senso di responsabilità civico”. Così ha scritto Il sindaco Cuomo sul suo profilo facebook, ed ha aggiunto: “Nelle mie valutazioni non è mai stata e non è una disputa tra tifosi di opposte fazioni, tutti i genitori hanno cuore i propri figli e la loro tutela, le mie scelte nei giorni scorsi, così come questa, si sono orientate non sugli umori, ma sui dati epidemiologici”.

Share