Il sindaco Pasquale Di Marzo, ieri 8 dicembre, con un “ordinanza dell’ultimo minuto” non si conforma all’ordinanza regionale e limita l’apertura solo alla scuola dell’infanzia lasciando a casa in DAD le classi prima e seconda della primaria.

Già nella serata di ieri, però, il Preside della Scuola Matilde Serao pubblicava sul sito dell’istituto una circolare in cui comunicava ai genitori ed ai docenti che la scuola dell’infanzia non avrebbe comunque riaperto stante l’esecuzione dei lavori e la mancanza delle certificazioni comunali.

Ciò già appariva anomalo in quanto evidenzia la totale assenza di comunicazione e confronto tra la scuola e l’assessorato o il primo cittadino.


Ma il caos si è scatenato stamattina alla scuola De Sica dove, all’apertura si è riscontrato che il maltempo degli ultimi giorni aveva provocato infiltrazioni che, come si evince dalle foto inviate in redazione, rendevano impossibile le attività per i piccoli alunni.

Tutto ciò desta ancora perplessità circa i controlli eseguiti dal Comune prima di decidere se riaprire o meno. È chiaro, infatti, che se solo si fosse predisposto un sopralluogo da parte dell’assessore sarebbe stato chiaro che le scuole non erano nelle condizioni per riaprire.


I vollesi sperano che tutta questa ingiustificabile disorganizzazione non sia il frutto della crisi politica che in questi giorni sta affliggendo il Comune e che vede il sindaco alle prese con le richieste dei suoi alleati.

Mimmo Lucci