Un nuovo modo di aspettare il Natale e il cenone della vigilia è stato inaugurato ad Ercolano ieri sera. Un modo certamente deprecabile, tanto più che l’Italia, Ercolano compresa, ieri era in lockdown natalizio, come deciso dal governo centrale per queste feste. Tutti a casa a causa della zona rossa. Nessuno in strada (?), e sarebbe dovuto essere possibile spostarsi soltanto per le ormai note e comprovate esigenze di lavoro o salute, con la maggior parte dei negozi sono chiusi, fatto salvo per la vendita di beni e servizi considerati di prima necessità.


Ma ad Ercolano, stando a quanto si è dovuto assistere ieri sera, evidentemente doveva essere contemplata anche l’esigenza di “rissa e violenza”.

Decine di persone, in pieno centro, in piazza Trieste e Trento, hanno dato vita ad una maxi rissa, con motorini che scorrazzavano, traffico impazzito, clacson e urla. E giù calci e pugni tra le macchine parcheggiate e la gente indignata che dalle finestre riprendere la scena. Pochi minuti dopo il video era su decine di pagine Facebook. “Guardate come si stanno picchiando”, i commenti si susseguono senza mai dimenticare che si tratta della sera della Vigilia di Natale. E infine si sente da una voce indignata: “Questa è Ercolano”.




Nelle immagini si notano ragazzi che, in spregio alle regole anti assembramento, si rincorrono e si azzuffano fino all’arrivo delle forze dell’ordine che si è reso necessario per evitare potessero esserci conseguenze peggiori e per disperdere la folla.

LEGGI ANCHE

Maxi rissa ad Ercolano, Buonajuto: “…criminali che non possono farla franca”

Ancora poco chiara la dinamica dei fatti e il motivo che ha scatenato la violenta rissa, sulla quale sono in corso accertamenti da parte della Polizia Municipale di Ercolano.

Share