Arrestato oggi pomeriggio dalla Guardia di Finanza, l’ingegnere Nunzio Ariano, il capo dell’Ufficio Tecnico del Comune di Torre Annunziata.

Probabilmente a seguito di una segnalazione, le Fiamme Gialle di Torre Annunziata lo avrebbero arrestato nei pressi della villa comunale, in auto sarebbe stata rinvenuta quella che sembra essere una mazzetta: 10mila euro in contanti. L’accusa è di corruzione.


Già nel 2015 Ariano era finito nei guai per l’accusa di “abuso d’ufficio e falso”. In quell’occasione finì a processo per una vicenda di “appalti truccati” nell’ambito di un’inchiesta sui lavori pubblici appaltati dal Comune di San Marzano sul Sarno. L’ingegnere fu coinvolto, insieme ad altre 12 persone, tra cui anche l’allora sindaco della cittadina in provincia di Salerno, Cosimo Annunziata, per i lavori della rete antincendio, costata circa 50.000 euro, presso la scuola media Anna Frank.


La Guardia di Finanza sta ancora indagando per individuare eventuali complici. Ariano è stato portato a Poggioreale in attesa della convalida del fermo che il giudice dovrà disporre domani.

Filippo Raiola



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano