Ancora amaro in bocca a Castel Volturno due giorni dopo l’essere usciti incredibilmente a mani vuote dal campo in casa contro lo Spezia. L’1-2 maturato al Maradona rappresenta la partita con il maggior numero di occasioni create dalla squadra perdente in tutta la Serie A da cinque anni a questa parte. Ora per il Napoli si presenta davanti l’occasione del riscatto e di riprendere la marcia per provare ad avvicinare nuovamente la zona Champions. Alla Dacia Arena domani andrà in scena la sfida tra Udinese e Napoli: fischio d’inizio alle ore 15.

Negli ultimi due giorni ci sono state buone notizie per Gattuso. Il tecnico infatti ha recuperato dai rispettivi infortuni Koulibaly e Demme. Entrambi i calciatori da ieri stanno svolgendo gli allenamenti completamente insieme ai compagni e saranno convocati per il match. Il difensore farà quasi sicuramente parte dei titolari, ma ha buone chance anche il centrocampista tedesco, in ballottaggio con Fabian Ruiz per un posto in mediana.


Tra i pali il mister potrebbe optare per Meret, lasciando Ospina in panchina. La linea difensiva a quattro presenta altre due novità, oltre al ritorno di Koulibaly. Sulla sinistra Mario Rui farà spazio a Hysaj, mentre al centro di fianco al senegalese farà il suo esordio dal primo minuto con la maglia azzurra Rrahmani, per ora impiegato soltanto per quattro minuti nella sfida della scorsa settimana contro il Cagliari e che scalzerà Manolas, apparso affaticato. Conferma sulla destra per Di Lorenzo, tornato in un buono stato di forma dopo una fine di 2020 parecchio sottotono. A centrocampo, come detto, si giocano una maglia Fabian e Demme per fare coppia con Bakayoko. In avanti, dopo il tentativo parzialmente riuscito di Lozano falso nueve, si dovrebbe tornare allo schieramento classico con Petagna centravanti e il messicano sulla destra (complice l’acciacco di Politano). Il terzetto sulla trequarti sarà completato dagli al momento inamovibili Insigne e Zielinski, i due uomini da cui partono tutte le iniziative offensive della squadra. Ancora assenti Osimhen, alle prese con la doppia defezione dovuta all’infortunio alla spalla e alla positività al Covid, e Mertens, che lavora ancora a parte durante gli allenamenti e potrebbe essere recuperato per la prossima settimana.


L’Udinese è reduce da cinque gare senza portare a casa i tre punti (tre pareggi e due sconfitte) e abbiamo visto che il Napoli non è molto fortunato contro compagini a secco di vittorie da un po’. I bianconeri friulani si trovano al tredicesimo posto in classifica e sono quattro punti sopra la zona pericolo, che vorrebbe dire retrocessione. Il tecnico Gotti riabbraccia Deulofeu, rientrato una volta smaltito l’edema osseo al piede, ma deve fare a meno di Forestieri, out per un problema muscolare. L’attaccante spagnolo dovrebbe partire dalla panchina e subentrare a gara in corso. In avanti ci sarà la coppia Lasagna-Nestorovski. In mezzo al campo agirà Arslan, autore della rete che ha permesso ai suoi di non perdere in casa del Bologna. Il tedesco sarà coadiuvato dal tandem tecnica e fantasia composto da De Paul e Pereyra.

PROBABILI FORMAZIONI

Napoli (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Hysaj; Bakayoko, Demme; Lozano, Zielinski, Insigne; Petagna. All. Gattuso

Udinese (3-5-2): Musso; Becao, De Maio, Samir; Molina, De Paul, Arslan, Pereyra, Zeegelar; Nestorovski, Lasagna. All. Gotti

Salvatore Emanuele Palumbo



Share